Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: The Handmaid’s Tale – 4×09-10

Recensione: The Handmaid’s Tale – 4×09-10

The Handmaid’s Tale giunge al finale di stagione. Phedre commenta per noi le ultime due puntate. Qui la recensione della 4×08 e i promo 4×09 e Season Finale.

Progetto grafico a cura di Maria Grazia

Inizio subito col dire che dopo i primi otto episodi, che hanno rappresentato un crescendo di emozioni, mi aspettavo un finale con il botto e, in effetti, l’effetto bomba c’è stato, compreso il cliffhanger finale… tuttavia, e risulterò  probabilmente impopolare, ne sono rimasta delusa.

Andiamo con ordine.

La puntata 4×09 di The Handmaid’s Tale è stata caratterizzata dall’incontro tra June e Nick, caldeggiato dal marito nella speranza di avere dal comandante, e padre della piccola Nichole, un aiuto per ritrovare Hannah.

Risulta un po’ strano che Luke incoraggi la reunion, ma è veramente disperato per la mancanza della figlia.

Senza dubbio è stato un momento tenero, in cui finalmente abbiamo visto la nostra protagonista, rasserenata nei tratti del viso, abbandonare i sentimenti  di odio e di sfida, che l’hanno caratterizzata in tutta la stagione, per accogliere nel cuore amore e dolcezza.

L’atteggiamento di June verso Nick è completamente diverso rispetto a quello che la donna ha verso il marito, sembra esserne innamorata ed è rapita da quest’uomo, con il quale ha condiviso l’inferno e al quale perdona di essere un comandante a Gilead e di lasciarla ogni volta da sola.

Nick fornisce alla Osborne alcune informazioni sulla figlia, informandola che è stata trasferita in Colorado e dandole delle foto.

The Handmaid's Tale - episodi 9-10

Molto belle, insieme a tutta la colonna sonora del momento, le scene sia di June che, tornando a casa, sorride pensando a Nick come farebbe qualsiasi donna dopo un incontro che le ha rallegrato il cuore e sia l’altra di lui che si rimette la fede, che aveva tolto per non farle un dispiacere.

Sempre molto curati tutti i riferimenti simbolici, la casa dove si incontrano si chiama  Maria Magdalena Academy e nella libreria il Santissimo Sacramento è posto vicino ai tre volumi sulla rivoluzione americana. Adoro questa attenzione ai dettagli  che ha sempre reso questa serie spettacolare.

La gioia dura poco perchè June scopre, al suo ritorno, che i Waterford saranno liberati.

Fred ha deciso di collaborare con le autorità canadesi e con Tuello per denunciare i “pesci grossi” di Gilead, decisione alla quale è arrivato  dopo l’incontro con Naomi e il marito, Warren,  che non faceva presagire niente di buono per loro. Serena addirittura teme che le sia portato via il bambino e che lei possa essere inviata alle colonie o utilizzata come ancella.

June è sconvolta e urla vendetta contro l’uomo che l’ha violentata fisicamente e psicologicamente

The Handmaid's Tale - episodi 9-10

Nel penultimo episodio ritroviamo anche Janine che aiuta zia Lydia a rabbonire Esther, divenuta ancella anche se molto recalcitrante. Non sappiamo se la ragazza lo faccia perché ha un piano segreto o per non farsi riassegnare.

La posizione di Lydia si rafforza, tuttavia il pericolo è in agguato per lei, ne è simbolo la scena in cui, come nell’Ultima Cena, lei sta al centro del tavolo, contornata dalle altre zie tra cui sicuramente si nasconde un Giuda.

Veniamo ora all’ultima puntata di The Handmaid’s Tale, la 4×10.

Sono delusa dicevo… e non per il risultato finale.

La morte di Fred ci sta, la modalità non mi ha convinto, inoltre, in alcuni tratti, l’ho trovata anche un po’ lenta.

Tutta la stagione ha gravitato intorno all’argomento vendetta e qui abbiamo avuto la sua realizzazione.

June, con la complicità di Joseph e Tuello, organizza uno scambio tra Fred , ormai convinto di averla fatta franca, e ventidue donne del Mayday.

Lo fa dopo averlo incontrato e aver capito che l’uomo non si è assolutamente pentito e che continua a essere cieco e arrogante.

Sarebbe stata una buona fine, il Comandante finalmente sarebbe servito a qualcosa di buono e poi consegnato alla giustizia di Gilead che lo avrebbe sicuramente giustiziato… invece June  si trasforma in carnefice e si vendica, insieme a un gruppo di altre vittime, compresa Emily, punendolo con la morte.

Di rosso vestita, a voler sottolineare che per lei distaccarsi dal passato di ancella è impossibile, fa rivivere a Fred la stessa fuga nel bosco che ha dato inizioalla sua prigionia e  dà avvio a un linciaggio che si conclude con il comandante appeso e decapitato al Muro dove campeggia la scritta:

Nolite te bastardes carborundorum 

Non lasciate che i bastardi vi annientino 

a voler dichiarare che è lei ad aver vinto.

Ma ha veramente vinto? Le darà pace essersi vendicata di Fred?

Non credo proprio: insanguinata torna a casa dove ormai la rottura con Luke è evidente e al quale fa  intendere che si darà alla macchia.

Dovrà lasciare di nuovo Nichole, questa volta non per proteggerla ma perché ha scelto di seguire il suo istinto e non la sua ragione… perché nonostante sia libera sarà sempre prigioniera del trauma che ha subito, che non le permette di tornare a una vita normale.

È sicuramente un finale in linea con il personaggio, certo scomodo perché non lascia presagire nessun lieto fine per la protagonista e nessuna possibilità di felicità.

Ma si può di nuovo essere felici dopo un’esperienza del genere?

Ora si aprono tante ipotesi: si costituirà?

Tornerà a Gilead?

The Handmaid's Tale - episodi 9-10

Aspettiamo anche di capire cosa succederà a Serena, che aveva friendzonato Tuello per giocare a fare la famiglia felice con Fred.

E a Janine, che si merita un finale degno e felice.

Nonostante le perplessità, sulla conclusione dolceamara, il giudizio resta comunque più che positivo per questa quarta stagione.

Appuntamento alla prossima stagione di The Handmaid’s Tale che speriamo arrivi prestissimo…

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

Marina Amato

Lascia un Commento