Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione: Tenebre e Ossa – Prima Stagione

Recensione: Tenebre e Ossa – Prima Stagione

Ecco la recensione dell’attesissimo Tenebre e Ossa, curata da Eve. Qui il trailer. Buona lettura!

Tenebre e Ossa

Progetto grafico di Maria Grazia

Con Got è stato sdoganato il genere fantasy sul piccolo schermo, il suo successo ha arricchito la platea di utenti, appassionati del genere, e di conseguenza la possibilità di vedere realizzate molte più serie.

Netflix, dopo Cursed e The Witcher , ci riprova con Tenebre e Ossa e da brava telefilm-addicted mi sono fiondata subito nella visione.

Dai libri alla tv

In prodotti di questo tipo, la domanda fondamentale è: Meglio i libri o la serie?

Beh, direi che non c’è un vincitore. Nel mio sproloquio cercherò di tenere separate le due versioni e focalizzarmi solo sulla seconda. Anche se tratta dai romanzi, la serie apporta delle novità è quindi da considerare come qualcosa a sé stante.

La storia si ispira al mondo letterario creato da Leigh Bardugo, il GrishaVerse, e segue le tappe fondamentali del primo romanzo Shadow and Bone, per poi prendere direzioni inaspettate grazie all’introduzione di nuovi personaggi.

Ci troviamo nel regno di Rakva in perenne guerra con i territori confinanti e sconvolto dall’avvento della Faglia, una barriera fatta di oscurità quasi impossibile da attraversare, che divide a metà la nazione e impedisce lo sbocco sul mare.

Protagonista della storia è Alina Starkov (Jesse Mei Li), che, insieme al suo amico di infanzia Malyen Oretsev (Archie Renaux), fa parte del Primo Esercito.

Ebbene sì, come se non fosse già abbastanza, Rakva ha due armate: la prima formata da uomini e donne normali e la seconda da coloro che sono dotati di poteri, i Grisha. Contrariamente a quanto ci si possa aspettare, i “maghi” sono oggetto di discriminazione e persecuzione.Tenebre e Ossa- Prima Stagione-Imm1

Alina e Mal sono costretti ad attraversare la Faglia d’ombra per scambiare merci con Rakva nuova, ma durante la traversata qualcosa va storto e vengono attaccati dai Volcra, i mostri alati che abitano la barriera. Quando Mal viene ferito gravemente, Alina lo protegge e scopre di avere il potere di evocare la luce, uccidere mostri e dissipare l’oscurità.

Tornati indietro, la ragazza viene portata al cospetto del Generale del Secondo Esercito, Kirigan (Ben Barnes), e, dopo una dimostrazione della sua nuova abilità, mandata a Os Alta dove si trova la residenza del Re e la sede in cui si addestrano i Grisha. Da qui in poi tutto si concentrerà sul suo addestramento per padroneggiare la luce e sulla scelta degli alleati in quello che sarà il finale di stagione.

Tenebre e Ossa: i veri protagonisti

Alla storia principale, più lenta, viene affiancata la sgangherata banda di criminali, composta da Kaz Brekker (Freddy Carter), Inej (Amita Suman) e Jesper Fahey (Kit Young), che porta un po’ di movimento e azione alla serie.

Fino a metà ho trovato la narrazione confusionaria e slegata, il continuo saltare da una parte all’altra non ha aiutato. Se la decisione di integrare i corvi risulta vincente ai fini dell’originalità, non si può dire lo stesso per i personaggi.

Il carisma di Kaz, Inej e Jesper (adoro questo ragazzo) oscura del tutto Alina, Mal e persino il Generale Kirigan che risultano, ahimè, quasi piatti e noiosi al confronto.

Importanti sono i temi che lo showrunner ha deciso di affrontare: la discriminazione razziale, che ormai rappresenta un tasto dolente per l’America, e l’omosessualità, visibili e messi in risalto in molte scene.Tenebre e Ossa- Prima Stagione-Imm2

Avevo timore per gli effetti grafici, ma sono rimasta soddisfatta dal buon uso che ne hanno fatto soprattutto per la Faglia, il cervo e i poteri dei Grisha; anche dalle colonne sonore sempre azzeccate. Ho preferito le ambientazioni al chiuso ma in entrambi i casi le ho trovate coerenti e realistiche, lo stesso vale per i costumi e gli abiti curati nei minimi dettagli.

Conclusioni

Vederlo o non vederlo, questo è il problema… o forse no.

Se non avete letto i libri, vi consiglio di non farvi spaventare dalla mole di informazioni dei primi episodi, che potrebbe risultare di difficile comprensione, e di proseguire nella visione, sarete ricompensati da un bel finale che da il via a una seconda stagione davvero promettente.

 

 

 

Click to rate this post!
[Total: 1 Average: 5]

StaffRFS

Lascia un Commento