Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Telefilm: American Gods 1×4 Git Gone

Recensione Telefilm: American Gods 1×4 Git Gone

Finora abbiamo visto tutti gli episodi dal punto di vista di Shadow, ma questa puntata prende tutta un’altra direzione, spostando l’attenzione su un’altra pedina fondamentale della vicenda.

Laura Moon, fino a questo momento, era per noi un mistero. Era la moglie del nostro Shadow Moon, la donna morta mentre lo tradiva col suo migliore amico. Questo era tutto quello che sapevamo di lei. Poi, nella puntata precedente, si è presentata nella camera d’albergo di Shadow con un “ciao cucciolo” e uno sguardo innocente dipinto sul volto.

In realtà la sposa cadavere del protagonista ha sempre vegliato sul marito tutto questo tempo, sotto forma di zombie.

Ci viene raccontata tutta la sua storia, molto ampliata rispetto ai libri.

Anni prima, la donna lavora come croupier di blackjack in un casinò, abita in una vecchia casa con il suo gatto. E’ sola, insoddisfatta e profondamente infelice. Shadow Moon arriva al suo tavolo di blackjack. È bello, affascinante e cerca di truffare il casinò. Pochi anni dopo, si sposano. Shadow è felice, ma sua moglie continua a sentirsi vuota e depressa. Decidono insieme di derubare il casinò, ma Shadow viene scoperto e finisce dietro le sbarre. Il resto è storia: il tradimento con il migliore amico di Shadow, la morte per incidente stradale, tutto dovuto ad una vita priva di significato.

A modo suo, Laura era morta dentro quando era viva, ma dopo la morte, trova una finalità. Shadow è, letteralmente, il faro luminoso del suo mondo, ed è attirata da lui come una falena da una lanterna.

Resuscitata grazie alla moneta fortunata di Mad Sweeney, segue Shadow ovunque va e lo protegge nell’ombra.

La morte l’ha resa forte. Non sente alcun dolore, fa a pezzi gli aggressori di Shadow e, ad un certo punto, con un calcio riesce persino a spezzare la spina dorsale di un nemico. La violenza che riesce a scatenare fa ancora più impressione considerando che l’attrice è un soldo di cacio, alta un metro e un barattolo.

Rispetto al libro gli sceneggiatori hanno reso Laura un personaggio molto sfaccettato, in bilico tra amore, depressione e follia, e sicuramente uno dei migliori della serie. Riuscirà a riconquistare la sua felicità con Shadow? Il marito saprà perdonarla del tradimento? Come farà a gestire il suo corpo, che si sta lentamente decomponendo e perdendo pezzi?

Lo scopriremo solo nei prossimi episodi.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS