Home » Recensione libri » Recensione: “Sorelle di spada e incanto” di Rebecca Ross

Recensione: “Sorelle di spada e incanto” di Rebecca Ross

Titolo: Sorelle di spada e incanto

Autore: Rebecca Ross

Editore: Piemme

Genere: Fantasy

Data di pubblicazione: 29 Giugno 2021

Nella grande tenuta circondata dagli ulivi e illuminata dalla luce dorata della sera, tutto è pronto per celebrare il ritorno a casa di Alcyon. Dopo otto lunghi anni, finalmente Evande potrà riabbracciare l’amata sorella maggiore, un soldato dell’esercito della regina. Quando Alcyon appare, però, è sconvolta e in fuga, inseguita da un terribile segreto. La gioia e gli onori lasciano il posto alla disperazione quando la famiglia apprende che Alcyon è accusata di omicidio e condannata a quindici anni di prigione. Stretta alla sorella da un legame più forte dell’acciaio, Evande sceglie di scontare una parte della pena. L’universo in cui entrerà svelerà spietati intrighi di potere e solo provando a invertire il destino del suo Paese Evande potrà restituire ad Alcyon la libertà perduta. Il nuovo romanzo di Rebecca Ross, un fantasy al femminile che in un’antichità pervasa di magia racconta un legame tra sorelle forte e indissolubile.

Sorelle di spada e incanto è un bellissimo libro che definirei addirittura brillante.

Si apre con Evande di Isoros, che anticipa con entusiasmo il ritorno della sorella, Alcyon, dal suo addestramento nell’esercito della regina. Questo rientro a casa, però, non va come pianificato quando Alcyon viene condannata per un crimine orribile: un omicidio.

Evadne si offre volontaria a prendere parte alla pena di sua sorella servendo Lord Straton – padre dell’uomo ucciso da Alcyon e comandante della legione dei soldati – e la sua famiglia. Entrambe le ragazze scoprono presto che i loro compiti sono molto diversi da quelli che si aspettavano e si ritrovano coinvolte in uno schema magico per rovesciare la regina di Coriosande.

Rebecca Ross scrive sia dal punto di vista di Evande che di Alcyon e questo permette ai lettori di sperimentare in prima persona i disaccordi e i problemi delle ragazze da due prospettive avvincenti e uniche, rendendo il tutto molto più interessante.

La parte che ho preferito di questo romanzo è stata il bellissimo legame tra Alcyon ed Evande. La Ross è riuscita a catturare perfettamente la connessione che c’è tra le sorelle, sia nei casi in cui manifestano orgoglio l’una per i successi dell’altra, sia in quelli in cui si sviluppa un’invidia involontaria che le colpisce quando una ottiene un risultato sperato dall’altra.

L’autrice, inoltre, crea una vasta rete di ostacoli, in tutta la storia, che mettono alla prova il profondo amore, la gentilezza e il modo in cui si prendono cura l’una dell’altra, riuscendo a rendere il loro rapporto imperfetto autentico e reale per i lettori.

È stato davvero emozionante vedere le sorelle concentrarsi su un obbiettivo individuale senza mai abbandonare l’intento finale del loro ricongiungimento.

Mi è piaciuto molto anche il modo in cui in questo libro la Ross ha dato una svolta nuova e rinfrescante alla magia tradizionale: invece di usare formule o bacchette magiche, i maghi creano i propri incantesimi cantando per incanalare il loro potere, mentre i loro scribi cantano insieme a loro per supportarli e registrano tutto.

Un’altra cosa che non posso fare a meno di citare è il mondo affascinante e coinvolgente di questo romanzo intriso di cultura: ispirati all’antica Grecia, i personaggi indossano chitoni e sandali – abiti tradizionali greci – e adorano nove divinità, tra dei e dee, ognuna delle quali ha lasciato una reliquia sulla terra che concede al suo possessore un potere speciale.

Sorelle di spada e incanto è un romanzo fantasy immerso nella cultura greca, bellissimo e accattivante! Lo consiglio assolutamente.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Sara

Kureha

Lascia un Commento