Home » Recensione libri » Recensione : “Sonny” di J.D. Hurt (#2 Mafia Men Series)

Recensione : “Sonny” di J.D. Hurt (#2 Mafia Men Series)

 

Trama verde

 

Sonny è un padrino della mafia, un uomo solo, divorato dal livore, dal desiderio di vendicare la morte del fratello Mario. Ma soprattutto è un uomo freddo, indifferente alla violenza e alla crudeltà che gli sono state insegnate come arti delle quali andare fieri fin da bambino.
Sophia è un angelo, una ragazza dolce, buona, gentile. Nonostante sia cresciuta in una famiglia mafiosa è stata protetta dal fratello Alex e tenuta al riparo dalle nefandezze del mondo che la circonda.
Sophia è la preda ideale per un uomo corrotto come Sonny, il modo migliore per appagare la propria sete di vendetta.
Ma talvolta un angelo può conquistare il più feroce dei diavoli; cambiarlo inesorabilmente insegnandogli a sentire, provare sentimenti sconosciuti, passioni divoranti.

 

Recensione verde

 

Anche la storia di Sonny non mi ha soddisfatta, anche questo libro sembra incompiuto… manca qualcosa, le basi ci sono, la storia è perfetta, ma è troppo veloce.

Sonny, come Alex, è stato cresciuto per essere un mafioso, ma essendo un secondogenito non erediterà la “famiglia”, infatti sarà mandato da un’altra “famiglia” per essere addestrato, e gli tocca la famiglia Faiella, Jason con precisione.

Faiella abita di fianco alla famiglia di Alex, ma sono nemici perché Alex lavora per i Di Marco come killer, quindi c’è astio lavorativo, Alex ha una sorella, Sophia, che ha una cotta mostruosa per Sonny, lui non la considera perché 1) è più piccola di lui 2) purtroppo la sua famiglia lavora per il clan rivale a Sonny… ma la trova carina e quando la nota lei ha 12 anni. Cinque anni dopo tutto precipita, il padre di Sonny muore, suo fratello diventa Don, ma nella stessa sera dell’insediamento come Don, Alex e Chris fanno irruzione e uccidono un po’ di persone tra le quali il nuovo Don, feriscono Sonny al viso che si salva e ovviamente giura vendetta. Infatti appena è guarito, ma con il volto deturpato, fa irruzione in casa di Alex convinto di trovarlo e rimane con un pugno di mosche in mano, in compenso rapisce Sophia. Viene portata in una stanza e le viene detto che diventerà il “giocattolino” degli uomini del clan e che se li soddisferà tutti potrà tornare a casa, una proposta allettante! Ma Sonny…

Il libro alterna il presente con il passato per far capire cosa, come, perché sono avvenuti questi fatti, per aiutare il lettore a entrare in sintonia con i personaggi, ma, e mi ripeto, non mi è successo. Non sono riuscita ad odiare Sonny o Jason, e Sophia più che farmi pena mi sembra scema. Hai 12 anni e una cotta, ok… ne hai 17 e lui ti piace ancora ma ti rapisce, ti picchia, ti umilia, rischi di essere violentata da dodici uomini e lo ami ??? Pensi che abbia tentato di ucciderti e passi i successivi cinque anni a struggerti per lui? Ragazza curati! Come vedete ci sono alcune stranezze, ok che è un libro, la storia è di fantasia, ma un minimo di filo logico secondo me ci vuole, ripeto le basi ci sono, la storia pure, ma scritta così non prende… peccato.

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

 

Violenza-Media

Recensione a cura di :

Tayla

Editing a cura di :

Bettina

 

Lascia un commento

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

 

 

StaffRFS

StaffRFS

Lascia un Commento