Home / Recensione libri / Recensioni MM / Recensione: “Smarrito lungo la strada” di Marie Sexton (Il ricettario di nonna B, Vol. 3)

Recensione: “Smarrito lungo la strada” di Marie Sexton (Il ricettario di nonna B, Vol. 3)

Tre mesi dopo aver perso i genitori in un incidente d’auto, il meteorologo di Denver Daniel Whitaker fa ritorno a Laramie, Wyoming. È già abbastanza dura dover gestire un lutto e una relazione di quasi quindici anni ormai al capolinea, e quando trova la sua casa d’infanzia piena di cianfrusaglie, Daniel si trova ancora più in difficoltà. Per sistemare il disordine, chiede l’aiuto di Landon, l’attraente vicino dei suoi genitori. Landon Kushner è una miniera di contraddizioni. Costruisce sculture eoliche servendosi di rottami metallici e ama stare all’aria aperta, ma guida anche una Vespa verde menta e ha un’affinità per il lavoro a maglia e la chiaroveggenza. È stato amico dei genitori di Daniel per anni, ed è più che disposto a dare una mano.
Il loro piano è semplice: sistemare la casa affinché Daniel possa metterla in vendita e tornare alla sua vita a Denver. Ma quando Landon entra in possesso di uno strano ricettario, Daniel inizia a rendersi conto che l’universo, e Nonna B, potrebbero avere altri piani.

IL VIAGGIO di ritorno a Denver fu lungo e noioso, in più indugiai troppo nella disamina dei miei pensieri tetri. Ogni settimana, il ritorno in città diventava sempre più difficile. La voglia di seppellire la testa tra le cianfrusaglie dei miei genitori invece di tornare a casa era sorprendentemente forte. Provai più e più volte a convincermi che quella sensazione terrificante dipendesse dal lavoro e non da Chase. Ma non appena passai Johnson’s Corner, una stazione di servizio con una roulotte sul retro, che vantava dolci alla cannella e massaggi esotici di ‘fama mondiale’, affrontai la verità dei fatti: la storia tra me e Chase stava cadendo a pezzi. Era difficile stabilire quando era iniziato, ma con il passare degli anni avevamo smesso di parlarci. Chase aveva smesso di suonare la chitarra. Avevamo smesso di fare l’amore, o di programmare, o progettare il futuro. Ci davamo il buongiorno. La buonanotte. Ci dicevamo ti amo. Ma avevamo smesso da parecchio tempo di provare i sentimenti che stavano dietro a quelle parole.

Avevamo accettato con indifferenza che il nostro rapporto andasse in frantumi, come se il nostro mondo fosse andato al diavolo, e ora la nostra relazione stesse morendo avvelenata dall’indifferenza quotidiana. Mentre entravo nel nostro quartiere a Westminster, mi era rimasta una sola domanda: avremmo potuto rimediare?”

Daniel e Chase convivono da ben quindici anni, ma nell’ultimo periodo, le cose fra loro si sono come cristallizzate nella routine. Vivono insieme ma non si incontrano quasi mai perché i loro turni di lavoro non coincidono, parlano poco, e piano piano tra loro si sta creando un abisso. Daniel fa il meteorologo in una stazione televisiva di Denver, e pur guadagnando bene, è insoddisfatto del suo lavoro, costretto a dipendere da un capo che non lo stima e da un collega prevaricatore. Chase anni prima, suonava la chitarra e si occupava di musica, ma poi, la sua incapacità di emergere e il suo carattere non facile, lo hanno convinto a desistere, finendo per fare lavori che non gli piacciono e che perde con grande regolarità. Mentre Daniel è triste e amareggiato per la loro situazione, Chase sembra non accorgersi di nulla. La morte improvvisa dei genitori di Daniel, e la decisione di vendere la loro casa , farà sì che il giovane si debba recare più volte a Laramie nei fine settimana, permettendogli  di conoscere il loro strambo e affascinante vicino, Landon. Mentre il rapporto fra lui e Chase si fa sempre più teso, la consegna di un pacco, contenente uno strano ricettario di cucina cambierà la vita di tutte le persone coinvolte.

La storia di Daniel e Chase sta per avviarsi al capolinea, incapaci di ritrovare la complicità dei primi anni, ormai vanno avanti senza entusiasmo, evitando discussioni e chiarimenti. Daniel in un primo tempo, ha sperato che passare i fine settimana insieme nella casa della sua infanzia, potesse in qualche modo farli riavvicinare, ma Chase, con scuse su scuse si è sempre rifiutato di andare con lui. Questo gli ha permesso di fare amicizia con Landon, l’originale vicino dei suoi genitori, un artista che fa sculture di metallo e  foto artistiche, e per sbarcare il lunario, quando non riesce a vendere i suoi lavori, il giardiniere. L’uomo è simpatico, divertente e ha una travolgente gioia di vivere, inoltre è sempre disponibile nell’aiutarlo a sistemare le innumerevoli collezioni stipate nella casa, dalla madre di Daniel. Attraverso le sue chiacchierate, Daniel, riscopre sua madre, che negli ultimi anni non ha frequentato. La donna, infatti, ha sempre rifiutato di conoscere Chase e riconoscerlo come parte della sua famiglia, e questo li aveva allontanati.  Solo nell’ultimo periodo avevano ripreso a telefonarsi, e si erano promessi di rivedersi presto, ma l’incidente ha posto fine a tutto. Ogni fine settimana è sempre più difficile tornare a casa da Chase, che comunque è alle prese con un nuovo lavoro, e non sembra trovare mai il tempo per parlare del loro rapporto sempre più gelido. Daniel è a un bivio, ma non sa cosa deve fare, la sua vita non lo soddisfa più, ma è difficile buttare via 15 anni vissuti insieme. Lui ha amato davvero moltissimo Chase, ma uno strano libro e la ricetta di un “Polpettone per trovare ciò che si è smarrito lungo la strada “ma anche per “Dare un taglio alle stronzate”, gli farà capire che le seconde possibilità, che la vita ti offre, non vanno sprecate.

Autori diversi che giocano con un magico ricettario, è questo il filo conduttore di questa strana serie ”Il ricettario di nonna B”. Ci sono ricette per capire quale sia il vero amore, ricette per chiarire i dubbi, perle di saggezza che aiutano in un determinato periodo della vita, che arrivano al destinatario in modi misteriosi.  In questo libro, il polpettone permette a Daniel di ricordare strani particolari, e capire che, se lui si è sempre comportato in modo onesto e sincero, Chase non gli ha riservato lo stesso rispetto. Se la trama non presenta grandi sorprese e risulta abbastanza lineare, il carattere dei personaggi è invece molto curato. Amerete Daniel con le sue titubanze, e vi arrabbierete con Chase, per il suo carattere egoista e leggero. Solo nel finale questo personaggio, in qualche modo, si redime. È un libro piacevole e rilassante, e anche se non è una di quelle storie  che rimane impressa nella memoria, regala un bel pomeriggio. Alla fine, sarete sicuramente curiosi come me, di scoprire, se prima o poi riusciremo a svelare l’identità di Nonna B e la provenienza delle sue magiche ricette.

A cura di:

 

Tre mesi dopo aver perso i genitori in un incidente d’auto, il meteorologo di Denver Daniel Whitaker fa ritorno a Laramie, Wyoming. È già abbastanza dura dover gestire un lutto e una relazione di quasi quindici anni ormai al capolinea, e quando trova la sua casa d’infanzia piena di cianfrusaglie, Daniel si trova ancora più in difficoltà. Per sistemare il disordine, chiede l’aiuto di Landon, l’attraente vicino dei suoi genitori. Landon Kushner è una miniera di contraddizioni. Costruisce sculture eoliche servendosi di rottami metallici e ama stare all’aria aperta, ma guida anche una Vespa verde menta e ha un’affinità per…

Score

Voto Lucia63 3,5

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

StaffRFS

StaffRFS
x

Check Also

Recensione in anteprima: Siamo tutti bravi con i fidanzati degli altri di Tommaso Zorzi

Carissime Fenici, oggi vi vogliamo proporre la recensione ...