Home / Recensione libri / Recensione: “Skin Trade” di Laurell K.Hamilton (serie Anita Blake #17)

Recensione: “Skin Trade” di Laurell K.Hamilton (serie Anita Blake #17)

Anita Blake è abituata alle sorprese inquietanti, persino a ricevere minacce di morte, ma questa volta è troppo anche per lei: alla sede della Animators Inc. è arrivato un pacco con dentro la testa mozzata di un agente di polizia di Las Vegas. Tuttavia non è quel macabro spettacolo a spaventare la Sterminatrice, bensì la firma sul biglietto di accompagnamento: Vittorio, il vampiro-killer che, dopo aver ucciso più di dieci persone, aveva fatto perdere le sue tracce. Ora è tornato e ha lanciato un guanto di sfida ad Anita. Lei non ha nessuna intenzione di lasciarsi sfuggire quell’occasione per fermarlo, però sa bene di non poterci riuscire da sola. Con Jean-Claude fuori dai giochi – il potentissimo master di Las Vegas non accetterebbe mai la presenza di un rivale nel suo territorio –, rimane un’unica alternativa: Edward, l’assassino di creature della notte. Ci vuole un serial killer per trovarne un altro, e Edward potrebbe rivelarsi un alleato prezioso. Sempre che non ricada nelle vecchie abitudini e non inizi anche lui a seminare morte e terrore tra la popolazione inerme…

Anita is back !!!!!!!!!!!!
Carissime lettrici finalmente la sterminatrice è tornata alla grande:tanta azione e poco sesso.
Tutto ha inizio con un pacco dono indirizzato ad Anita che la porta fuori città, precisamente nella capitale del gioco d’azzardo, la mitica Las Vegas. Come avrete già intuito questo è un altro di quei libri dove l’affascinante J.C e il resto dei “fidanzati” di Anita compaio molto poco o addirittura solo vagamente menzionati ma… niente paura, la nostra sterminatrice/negromante non è sola, le fanno compagnia in questa avventura  l’enigmatico e spietato  Edward (io adoro questo personaggio dalle mille sfaccettature), l’affascinate Bernardo e per ultimo l’ inquietante Olaf (un tipo da brividi ). Arrivati a destinazione la nostra cara Anita si troverà nell’occhio del ciclone: da una parte un serial Killer di nome Vittorio (lo spietato vampiro che con una scia di delitti efferati l’ha attirata in città) dall’altra la polizia  locale e la squadra Swat che a causa della sua relazione con il master di S.Luis non si fidano di lei e anzi le mettono i classici bastoni tra le ruote, poi Olaf che innamorato di Anita decide di corteggiarla (la scena dell’obitorio tra i due è allucinante e allo stesso tempo esilarante ……..)!!!!!!!!!!! E  per ultima la regina delle Tigri (altra tipa decisamente scomoda).
Vi confesso che durante la lettura ho trepidato per la nostra Anita e a tratti mi è dispiaciuto per lei: in questo libro risulta quasi fragile e in certi frangenti della storia si trova a dover giustificare ogni sua mossa con tutti, compresi i suoi colleghi. Sinceramente vederla messa da una parte per il bene dell’indagine non mi è piaciuto. Non scendo volutamente nella trama per rispetto di chi ancora non ha letto il libro ma vi dirò solo una cosa: per come era iniziato mi sarei aspettata i fuochi d’artificio… ma purtroppo Mamma Hamilton ne ha combinata una delle sue.
Peccato perché era da tanto che non leggevo un libro di Anita con una trama veramente trascinante e dove finalmente, lasciatemelo dire, fa poco sesso (ERA ORA). Le premesse per un voto alto c’erano tutte ma come spesso accade in molti libri un finale affrettato e inverosimile rovina tutto! Proprio non mi ha convinto! Detto ciò rimane sempre un buon libro.

***ATTENZIONE SPOILER****
Vi segnalo una scena molto hot tra Anita e il duo vampiro Truth & Wicked sulla quale aleggia una interessante/inquietante promessa…
Concludo infine con una cosa che mi ha lasciato molto perplessa: “l’azzurro”…

Buona lettura a tutti.

 

 

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione:”Bugie a Santorini” di Pamela Boiocchi e Michela Piazza

Buongiorno Fenici,Emanuela ci racconterà Bugie a Santorini di ...