Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV:The Resident -3×06- “The Nurse’s day”

Recensione serie TV:The Resident -3×06- “The Nurse’s day”

The resident

Ormai che AJ non sia un burbero lo abbiamo scoperto da molto. Dietro la sua corazza da duro si cela un uomo gentile e sensibile che soffre per essere stato abbandonato dai suoi genitori biologici. È solo grazie all’intervento della madre adottiva che decide di incontrarli per una cena informale.
Appena conosciuta la madre, rimane piacevolmente sorpreso (anche se non lo dà a vedere) e accetta di ascoltare le sue giustificazioni per non averlo tenuto con lei. Tra le altre quella di non poter diventare un pediatra specializzato in malattie mentali. Una frase così, detta a una persona che non capisce la passione e la voglia di essere i più bravi in campo medico non avrebbe sicuramente aiutato nei rapporti umani, ma AJ rivede se stesso nel modo di fare della madre. La apprezza ancora di più quando la vede a fare un consulto medico gratuito per una giovane paziente. Il rapporto tra i genitori biologici e AJ è sicuramente sistemato. Se un rapporto va bene, un altro invece tende a terminare: Pavesh e Conrad continuano a non stimarsi più lavorativamente, anche se continuano ad essere amici. Più conoscenti che intimi, per cui cercano di non essere presenti negli stessi turni.

Il problema più grosso del Chastain sono però i turni massacranti a cui quelli della Red Rock costringono le infermiere. C’è chi si addormenta davanti al monitor del pc dopo un triplo turno, chi per stare sveglia nonostante i turni massacranti in sala operatoria beve caffè su caffè e ha pochi minuti liberi per riposarsi tra un paziente e l’altro. Come nel caso di Jessica che non dorme da giorni a causa del lavoro e proprio per questo, tornando a casa dopo un turno estenuante, fa un incidente e va a sbattere contro un albero.
Cosa succederà a Jessica? Ancora non lo sappiamo perché la puntata termina proprio sul più bello. Speriamo che non sia un altro personaggio che esce dalla serie TV perché nel suo piccolo ruolo non era male.

Per adesso vi saluto incrociando tutte le dita per la sorte della ragazza.

Fulvia Elia

Fulvia Elia

Lascia un Commento