Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Whiskey Cavalier 1×11 “College Confidential”

Recensione serie TV: Whiskey Cavalier 1×11 “College Confidential”

Ciao Fenici!

Strana sensazione portare avanti la visione di una serie con la consapevolezza che è stata cancellata, vero? Quasi scoraggiante, vista l’abitudine degli showrunner di concludere le stagioni con gente che penzola da dirupi o con scioccanti rivelazioni.

A proposito di rivelazioni! La scorsa settimana l’episodio si era chiuso con l’insinuazione che fosse stata Tina ad uccidere Emma: se pensate che oggi la questione sarebbe stata ripresa, vi sbagliate di grosso. L’omicidio dell’agente dell’MI6, al momento, è nel dimenticatoio.

Veniamo ora alla missione: convincere un giovane genio coreano ad abbandonare i progetti che sta sviluppando per il suo paese, oppure fermarlo con la forza.

Il ragazzo studia in un’università dell’est Europa, e la squadra si infiltra nell’ateneo.

Questa volta è Standish ad avere il controllo della missione, perché è l’unico a potersi fingere uno studente; tutti gli altri ricopriranno il ruolo di insegnanti. Will si prodiga affinché il collega si senta all’altezza dell’incarico, e lo appoggia in ogni decisione, mentre gli altri sono diffidenti a causa della sua inesperienza.

La squadra scoprirà che ci sono altri agenti interessati al lavoro dello studente, e sarà proprio Standish a ideare il piano che porterà in salvo il ragazzo, facendolo credere morto a chi gli dava la caccia.

Ammetto che questa settimana c’era poco da dilungarsi nel riepilogo dell’episodio, è stato tutto molto veloce e davvero poco complesso; per quanto avessimo di fronte la missione di un gruppo di spie, sinceramente sembrava più una sit-com con le pistole.
Per quanto assurdo, forse è proprio questa la dimensione giusta per la serie: abbiamo avuto una decina di episodi che si sono distinti per quel clima da vorrei ma non posso, che cercavano disperatamente di armonizzare azione e commedia, e solo un paio, forse tre sono stati all’altezza delle aspettative.
Questa volta, complice forse un’ambientazione più rilassata, la storia è stata raccontata in modo fluido e piacevole.
Resto in attesa di sapere se tutto il materiale buttato nel calderone durante la stagione porterà a qualcosa di concreto.

Recensione a cura di WickedWolf

Editing Foggy Fox

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione Film Cult: The Wife – Vivere nell’ombra

DATA USCITA: 04 ottobre 2018 GENERE: Drammatico ANNO: ...