Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV: When hope calls -1×04- “Lost and Found”

Recensione serie TV: When hope calls -1×04- “Lost and Found”

Lost and Found

Recensione con spoilerBen ritrovate fenici al quarto episodio di una prima stagione che, con i ritmi lenti tipici di questo tipo di serie, sta pian piano svelando la trama amorosa delle protagoniste.
Grace e Chuck escono per un primo appuntamento e tra loro c’è molta dolcezza e complicità: Chuck ha organizzato un pic-nic che però salta perché il cibo che ha preparato è stato mangiato da un orso, compresa la torta di pesche che Grace scopre essere la preferita del ragazzo.Gabriel è alle prese con un altro mistero: il rapinatore di banche, che gli ha sparato e che è in prigione, afferma di aver sottratto solo una parte della somma che il banchiere Mike Sinclair, che inoltre si è recentemente dimesso, sostiene sia stata rubata; per questo il Mountie decide di andare al quartier generale a Clearwater.
Lillian intanto sta cercando di rintracciare il nonno di Helen, una delle bimbe dell’orfanotrofio. Vorrebbe trovarlo come ha fatto con Grace alcuni anni prima e si unisce a Gabriel, con lo scopo di studiare i registri delle persone scomparse e capire se il nonno di Helen l’abbia mai cercata. Tess insiste molto con Chuck affinché prenda le redini del ranch, ma il ragazzo per il momento preferisce avere un lavoro tutto suo. La donna ha organizzato il consueto incontro con gli altri allevatori e richiede espressamente Grace come cameriera.
La ragazza, che è impaziente di rivedere Chuck, prepara per lui una torta di pesche e si reca al Ranch Stewart.
In realtà Tess, che ha colto il sentimento che sta nascendo tra i due ragazzi, ha un piano ben preciso: umiliare Grace facendole capire qual è il suo posto e mettere insieme Chuck e Lucie, la figlia di un altro grande allevatore. Lucie sembra presa da Chuck e Grace osserva la scena da lontano, rimanendoci molto male. Inoltre Tess chiede a Grace di offrire anche la torta che aveva preparato per Chuck e così lei non potrà più fare la sorpresa al ragazzo.

La Stewart, che nella scorsa puntata aveva mostrato un barlume di umanità, in questa svela invece la sua perfidia. Sarà solo perché odia la famiglia di Grace? Oppure è una classista piena di pregiudizi? Certo, per i ragazzi la questione si complica ma sono sicura che sarà solo un ostacolo temporaneo.
Intanto in città secondo me si iniziano a notare i primi segni della nascita di una nuova coppia, che mi piacerebbe molto vedere. Scopriamo che Joe è alle prese con un senso di colpa per l’incidente che gli ha causato un infortunio alla spalla. Purtroppo, sua moglie non è sopravvissuta all’incidente e lui sembra punirsi, non curandosi. La nostra sveglissima infermiera Maggie lo scopre e con dolcezza  gli suggerisce di fare ciò che la moglie desidererebbe per lui e alla fine lo convince a curarsi.
Maggie mi piace moltissimo e la vedrei molto bene con Joe. Vedremo se ci ho visto lungo!
Al quartier generale dei Mountie, un antipaticissimo agente, Anderson, cerca di scoraggiare Lillian. Non sa che ha a che fare con un osso duro che alla fine della giornata sottrae i documenti che non aveva finito di visionare e trova informazioni sul nonno di Helen. Mi è piaciuta molto la complicità tra Gabriel e Lillian, sono entrambi molto riservati, ma sembrano fatti l’uno per l’altra. Continuo a preferire loro a Chuck e Grace, mi convincono anche di più gli attori che trovo più bravi, mentre soprattutto l’attrice che interpreta Grace la trovo monoespressiva.
Di questo episodio mi è piaciuta la determinazione di Gabriel a chiarire la posizione dell’uomo che gli ha sparato e per il quale avrebbe potuto anche provare solo odio e la forza di Lillian a non accettare la soluzione più semplice e perseguire il bene di Helen, cercando il nonno.
E ora, non ci testa che aspettare di vedere se i nostri novelli Romeo e Giulietta avranno, rispetto agli originali, il loro lieto fine!

Fulvia Elia

Fulvia Elia

Lascia un Commento