Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: When Hope Calls 1×02 “From The Ashes”

Recensione Serie Tv: When Hope Calls 1×02 “From The Ashes”

When Hope Calls

 

 

Eccoci alla seconda puntata di questa serie, spinoff di When Call the Heart, che ci ha regalato non proprio un crossover, ma la partecipazione dei miei personaggi preferiti della serie principale, ovvero Lee e Rosemary Coulter.

I due si recano a Brookfield per portare legname da Hope Valley e aiutare nella ricostruzione dopo l’incendio avvenuto nel pilot. Rosemary è molto legata a Lilian e Grace, avendole ospitate con gli orfani a casa sua e inoltre è bravissima con i piccoli, pur non avendone ancora uno suo. Sempre molto divertenti i suoi siparietti con i bambini, a cui adora insegnare a recitare sfruttando la sua esperienza passata come attrice. Molto significativo anche l’apporto di Lee, straordinariamente generoso, sia ad aiutare materialmente con la ricostruzione sia a supportare psicologicamente Joe, il proprietario dell’emporio che con l’incendio ha perso tutto.

 

 

L’episodio è incentrato sul concetto di famiglia, quella che le ragazze vogliono dare agli orfani e il significato che la parola famiglia può assumere all’interno di una comunità come quella di Brookfield.

Joe deve prendere una decisione sulla ricostruzione del negozio o sulla partenza dalla città e, dopo una lunga riflessione, decide di partire. Eleanor, la governante dell’orfanotrofio che sembra avere un legame molto stretto con lui, cerca di convincerlo a restare e, proprio quando lui sta per partire, i suoi amici gli fanno una sorpresa ripulendo un vecchio negozio ed allestendo per lui un nuovo emporio. Joe capisce che sono loro la sua famiglia e non i cugini, che non ha mai visto e dai quali si stava recando.

Continua la simpatia tra Grace e Chuck, il bel veterinario, che ora si trova a fare le veci del medico infortunato. C’è attrazione tra i due, ma Grace in virtù dell’acredine che sembra esserci tra la madre di Chuck, Tess, e la famiglia di Lilian, rifiuta un invito a pranzo. L’allontanamento tra i due sarà sicuramente breve: sono molto attratti l’uno dall’altra e come Lilian le suggerisce a fine puntata, Grace dovrebbe seguire il suo cuore.

In questo episodio è arrivato anche un nuovo personaggio, molto spassoso, che credo ci darà grandi soddisfazioni: l’infermiera Maggie Parson, inglese spigliata e un po’ stramba, che cura il suo primo paziente con un miscuglio a base di radice di betulla, esibendo grandi capacità curative.

Si innamorerà anche lei di Chuck? Vedremo!

 

 

E Gabriel e Lillian? In questo episodio i rapporti tra i due sono tesi perché il fascinoso mountie interroga due dei bambini dell’orfanotrofio che erano stati visti sul luogo dell’incendio. I ragazzi, tuttavia, affermano di essere stati sul marciapiede dal lato opposto della strada. Lilian dimostra ai ragazzi che possono fidarsi di lei e, dopo un po’ di reticenza, i due rivelano di essere stati sul luogo dell’incidente, ma di non aver appiccato il fuoco e di aver visto un cavallo “Palomino” accanto all’emporio, proprio simile a quello di Tess Stewart.

Lilian è riuscita a conquistare la fiducia dei ragazzi e anche la loro si dimostra una famiglia dove ci si supporta e si è sinceri.

È stata Tess ad appiccare l’incendio? Se si, per quale motivo?

Lo scopriremo nelle prossime puntate.

Intanto un giudizio più positivo per questa seconda puntata, che dopo un pilot troppo ingessato, si è rivelata più scorrevole e meno stucchevole. Certo da questo tipo di produzioni non ci si può aspettare brivido o azione, ma devo dire che il mistero su ciò che è accaduto tra Tess e il padre di Lilian mi incuriosisce parecchio. Grace e Chuck mi piacciono molto e vedere se la loro attrazione diventerà qualcosa di più sarà appassionante! Che volete, io adoro questi drammi smielati e sui buoni sentimenti: nella realtà se ne percepiscono sempre meno! Lasciatemi sognare!

 

Eve

Eve