Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie Tv: “Vikings” stagione 6, episodi 1, 2 e 3

Recensione serie Tv: “Vikings” stagione 6, episodi 1, 2 e 3

Vikings 6

La quinta stagione di Vikings si era conclusa con la sconfitta di Ivar e la sesta si apre con la presa del trono di Kattegat da parte di Bjorn. Lagertha, stanca e ferita, decide di ritirarsi in una fattoria e di non combattere più.

Hvitserk, sconvolto per le sue perdite, cerca conforto nell’alcool, che però peggiora la situazione e gli fa avere delle vere e proprie allucinazioni.

Nel frattempo Torvi annuncia la sua gravidanza e Bjorn decide di andare in soccorso di re Harald, tenuto in ostaggio da re Olaf.

Ivar, dopo la fuga da Kattegat, percorre diversi tratti della via della seta, ma a un certo punto viene rapito e tenuto come ostaggio da un re rus: Oleg.

Dopo i primi tre episodi la situazione inizia a farsi interessante, finalmente!

Sono stata ben lieta di rivedere personaggi che sono nella serie dalla prima stagione. Certo, vedere Lagertha rinunciare alla spada è stata dura, ma devo ammettere che la sua decisione è stata davvero toccante e “giusta”. Quasi un ritorno alle origini.

Bjorn, divenuto re, è subito alle prese con delle faccende molto importanti e se devo essere sincera, non vedevo l’ora di vederlo all’opera per cercare re Harald. Il piano, ovviamente, non è andato come si pensava, ma questo rende ancora di più la storia intrigante. Oltre a questo, in sole tre puntate, abbiamo visto come un’altra volta al suo fascino non si può resistere. Infatti, nonostante la nuova moglie abbia in grembo suo figlio, il primogenito di Ragnar ha ben pensato di spassarsela anche con una delle serve.

Ubbe, che inizialmente voleva darsi all’esplorazione, proprio come suo padre e suo fratello, ha dovuto mettere da parte un po’ il suo piano per prendersi cura di Lagertha e successivamente di Kattegat, in assenza di Bjorn. Fin qui nulla da ridire, solo che avrei preferito vedere una vera e propria presa di posizione da parte sua nei confronti del fratello Hvitserk, al quale era molto legato. A proposito di lui… nella stagione precedente, in quanto alleato di Ivar, possiamo dire in tutta sincerità che non se la passava bene, ma così mi sembra troppo esagerato. Va bene toccare il fondo e tutto il resto, dovuto alle perdite e ai traumi, ma il fatto che nessuno faccia qualcosa per aiutarlo è estenuante!

In questi tre episodi si è anche accennato alla fine che ha / avrebbe potuto fare Floki e alla promessa di fare luce su tutto ciò. Che davvero il vichingo ricompaia da un momento all’altro?! Non mi stupirebbe, ma spero vivamente che in questa stagione abbia una storyline più decente.

Parlando del cattivone di turno: Ivar, del quale credo che nessuno senta la mancanza… abbiamo una new entry: re Oleg, che devo ammettere fa sembrare Ivar un agnellino a suo confronto. Il che è tutto dire, non promette nulla di buono. Tant’è che quasi lo stesso ex antagonista sembra esserne preoccupato.

Alla fine queste prime tre puntate sono state giustamente equilibrate, in modo da introdurre lo spettatore alla nuova stagione e invogliarlo a continuare. Aggiungerei ‘per fortuna’ visto che oggigiorno è difficile trovare una serie tv, che dopo diverse stagioni, non vada verso il declino.

 

Fulvia Elia

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Sex Education

Recensione Serie Tv: Sex Education – 2×01 – 2×02 –

Teresa: Ciao Fenici, questi primi due episodi della ...