Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV: Victoria 2×03 Warp and Weft

Recensione serie TV: Victoria 2×03 Warp and Weft

Nella scorsa puntata abbiamo scoperto che il nostro caro Lord Melbourne è malato, ma è solo in questo episodio che possiamo renderci conto di quanto poco gli resta da vivere. Viene invitato a chiudere le questioni irrisolte e la regina Vittoria deve restarne all’oscuro, essendo ella in dolce attesa, anche se non rispondere alle sue lettere non è una mossa molto intelligente e la fa insospettire.

Nel frattempo, Mr. Bascombe chiede aiuto alla sovrana: a nome dei tessitori di seta di Spitalfields fa presente che la seta estera, importata dal Continente, comporta un grave danno economico per loro.

In tutta risposta, la Regina organizza un ballo in maschera per promuovere la seta inglese, nonostante le opinioni contrastanti di Albert e del primo ministro Robert Peel: anche se la Regina è in buona fede, il popolo sta attraversando un periodo di difficoltà economica e i festeggiamenti non sarebbero ben visti. Così accade, e Victoria vede con i suoi occhi la folla inferocita dall’altra parte della residenza reale.

Vorrei sottolineare gli sguardi di intesa tra il valletto del principe consorte e Lord Alfred, che si susseguono per tutta la puntata.

Si spera in una gioia, ovviamente, e con curiosità mi accingo a chiedermi: come tratteranno di omosessualità in una serie tv ambientata nell’ottocento? Ma forse, forse, sto correndo troppo.

La sera del ballo in costume, Albert e Victoria diventano, per l’occasione, Edoardo III e la Regina Filippa di Hainaut. Victoria ci tiene particolarmente a far indossare una corona ad Albert, seppur finta.

Amore, a noi piaci! Con o senza corona!

Lord Melbourne si presenta vestito da Dante (adatto a rappresentare la sua saggezza), tuttavia durante un ballo con la stessa regina ha un momento di debolezza e Victoria viene prontamente allontanata con una scusa, per non farle intendere che la condizione fisica dell’ex primo ministro è molto più che critica.

Tra l’altro, assistiamo ad una scena davvero triste tra gli sfortunati amanti Ernest, fratello del principe consorte, ed Harriet, ex dama di compagnia della regina. Il dolore sarà tale da far decidere ad Ernest di tornare a Coburgo dal padre.

Ed una vittima indiretta di questa situazione è Miss Coke, innamorata di Ernest.

Mai na gioia, pure per te.

Su consiglio del primo ministro, Robert Peel, Albert si interessa al cantiere del nuovo edificio del Parlamento, ed è proprio recandovisi che viene a conoscenza della malattia di Lord Melbourne.

Albert rivela la brutta notizia a Victoria, la quale deve però fingere di non saperlo. Va allora a far visita a Lord Melbourne portandogli un carillon a forma di uccellino.

L’ultima conversazione tra Lord Melbourne e Victoria sembra all’apparenza innocua, ma le parole tra i due fuoriescono appena a causa dell’emozione. In qualche modo, sembra sappiano che non si rivedranno. Ciò che più mi ha fatto versare fiumi di lacrime è stata l’espressione del lord durante tutta la conversazione: fino all’ultimo le dona parole di conforto e consiglio. Si nota quanto sia orgoglioso della regina, come se fosse sua figlia.

Arrivederci, Lord Melbourne.

E, come se il dolore non fosse abbastanza, al suo ritorno Victoria trova il suo amato Dash morto. Le parole piene di dolore che lei rivolge ad Albert, pronto a consolarla, sono chiaramente uno sfogo sia per la morte del suo animale domestico, sia per la morte che incombe su Lord Melbourne.

Infatti, negli ultimi fotogrammi della puntata, Lord Melbourne esala l’ultimo respiro, con gli occhi fissi sul regalo di Victoria.

Arrivederci Lord M.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS