Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: The Walking Dead: World Beyond – 1×1 – “Brave”

Recensione Serie Tv: The Walking Dead: World Beyond – 1×1 – “Brave”

Progetto grafico a cura di Maria Grazia

Un nuovo punto di vista sull’apocalisse, Fenici, ma la domanda vera è: ne avevamo bisogno?

The Walking Dead segue le vicende di un uomo che si risveglia dal coma quando il mondo è bello che crollato, Fear The Walking Dead invece segue una famiglia durante l’inizio della pandemia che ha portato al disastro; ebbene, World Beyond ha un terzo punto di vista.

I ragazzi.

Quelli che erano troppo piccoli quando è cambiato tutto, che non sanno o non ricordano com’era la vita prima. Idea interessante, se volete sapere la mia opinione, ma anche quella di Fear lo era, e guardate che schifezza ne è venuta fuori!

Siamo in Nebraska, a 10 anni dalla data in cui il cielo è caduto, così la definiscono le persone di questa comunità, che vivono e prosperano in un campus universitario riadattato; il gruppo è alleato con Portland e la Civica Repubblica, la cui ubicazione è segreta.

Le nostre protagoniste sono le sorelle Hope e Iris Bennet, figlie adolescenti di un famoso scienziato che sta partecipando a una sorta di programma di scambio con la Civica repubblica; l’uomo manda messaggi di nascosto alle ragazze, per rassicurarle, ma qualcosa va storto e comunica loro di essere in pericolo.

Mentre Iris è una persona razionale, che si sforza di adattarsi all’ambiente circostante e a dare il meglio di sé per la comunità, Hope è il classico spirito libero, una ribelle che non riesce a conformarsi alle regole che non condivide. Il loro incontro con Elizabeth, rappresentante incaricata della CR è un mezzo disastro: la donna cerca di piacere alle ragazze, ma entrambe intuiscono che c’è falsità dietro le sue parole e, complice la preoccupazione per il padre, decidono di fuggire dalla recinzione per andare a salvarlo.

Si uniscono a loro due ragazzi: l’avventuroso Elton, che sembra molto bravo a cavarsela all’esterno, e il taciturno, timido Silas. Quest’ultimo mi ha dato l’idea di essere il classico ragazzone buono e forzuto, ma c’è stato poco tempo per conoscerlo.

Altri due personaggi che suppongo saranno fondamentali per il futuro sono Felix e Huck, due soldati della comunità, il primo incaricato dal padre delle ragazze di prendersi cura di loro: una volta appreso della loro fuga si mettono immediatamente sulle loro tracce.

Sono due brave persone, ottimi amici che hanno a cuore le giovani Bennet.

Che dire, Fenici? Il potenziale c’è. Da un pilot si può capire poco, bisogna stare a vedere dove andremo a parare, ma intanto mi piace: gli attori sono stati scelti con cura, i personaggi sono originali e rappresentati bene.

C’è gioventù, c’è voglia di affrancarsi, c’è qualcuno da salvare, c’è il mistero e c’è la bomba pronta a esplodere.

Sì, perché la notte in cui il cielo è caduto (in alcuni dialoghi è giorno, altri notte, che vi devo dire) la famiglia Bennet si è trovata divisa: Iris col papà e Hope con la mamma. In quei drammatici momenti, la madre delle bambine si è avvicinata a una macchina per tentare di fuggire con la figlia ma una donna incinta l’ha fermata, sparandole; la piccola Hope, sconvolta, ha raccolto la pistola e ha sparato alla donna a sua volta, uccidendola.

E chi ha la foto di questa donna nel suo zaino? Il dolce, simpaticissimo Elton.

Ha perso sua madre e la sorella che portava in grembo quella notte, ma spera ancora di ritrovarle.

Quanto odio queste situazioni!

E cosa succede dopo che i nostri sei amici sono andati via dal campus? Una mattanza.

Persone e zombie (qui li chiamano in modo diverso, ma non me lo ricorderò fino al decimo episodio) giacciono a terra, coi soldati della Civica Repubblica che svettano su di loro: li hanno uccisi? C’è stata una breccia nella recinzione e si sono salvate solo le poche persone armate?

Perché Elizabeth tiene tanto a ritrovare le ragazze? I messaggi del padre erano reali o una bugia per attirarle fuori? È stata lei a dar loro la mappa per andare da lui: era una trappola?

C’è un ultimo collegamento da fare, prima di chiudere: sappiamo dal simbolo dei tre cerchi che questa gente è la stessa degli elicotteri di TWD e di FTWD. La figlia di cui parla Elizabeth è il soldato incontrato da Al in Fear?

Ma la smettiamo di fare a freccette con le informazioni e lanciarle a random in una o nell’altra serie?

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento