Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: The Walking Dead -10×15- “The Tower”

Recensione serie TV: The Walking Dead -10×15- “The Tower”

the tower

Progetto grafico a cura di Francesca Poggi

Questo episodio ha un unico, enorme, difetto, Fenici: non ha alcuna premessa.

Se l’incontro di Ezekiel, Yumiko e Eugene con Princess era stato anticipato e motivato la scorsa settimana, l’esodo dell’intera comunità di Alexandria no; sapevamo che Hilltop era caduta, ma gli altri?

Beta conduce l’orda su Alexandria, ma la trova vuota. I sopravvissuti si sono spostati a quella che chiamano “la Torre”, una struttura ospedaliera fatiscente, nascosta tra la vegetazione.

Come sapevano gli Alessandrini che sarebbe arrivato un attacco, non ci è dato conoscere, ma tant’è: mentre si riorganizzano in quei corridoi bui, Daryl vigila sul perimetro e Aaron e Alden seguono l’orda per aggiornare il gruppo sugli spostamenti del nemico.

Alla Torre, Lidya si confronta con Negan, crollando tra le sue braccia dopo aver sfogato il dolore per l’uccisione di sua madre; anche Judith prova a confortarla, per quanto possibile, poi frustrata esce alla ricerca di Daryl.

Quando si incontrano lui cerca di farla tornare dagli altri, ma al suo fermo rifiuto sceglie di insegnarle alcune delle sue tecniche per riconoscere le tracce. Come sempre, i loro momenti sono brevi ma estremamente intensi: il legame tra il cacciatore e la bambina è profondo e ci sono situazioni in cui solo lui è in grado di comprenderla. Gli dice che Michonne starà via a lungo per aiutare delle persone, ma non menziona la possibilità che Rick sia vivo, forse per non dargli false speranze, o forse per non alimentare le proprie; è già abbastanza difficile vivere in costante pericolo con la mamma lontana, immaginare il ritorno del padre sarebbe solo un dolore inutile.

Carol, in missione con Kelly alla ricerca di parti elettroniche per Luke, finalmente si apre con lei e le dice quanto sia dispiaciuta per aver causato la (probabile) morte di Connie; inaspettatamente, Kelly è in pace, spera che la sorella sia viva e, col senno di poi, capisce il comportamento di Carol. Lei è così, è il suo superpotere e ci sono cose che solo lei può fare, per salvare tutti.

Infine, l’incontro di Ezekiel, Eugene e Yumiko con Princess li mette in grave pericolo quando la ragazza, pur di passare alcuni istanti in più con loro, li fa passare attraverso un campo minato nel quale poi perde il conto dei suoi passi. Una volta in salvo la rimproverano e lei ha un piccolo crollo, ammettendo di sentirsi davvero sola; li conduce alle ruote promesse, che si rivelano delle biciclette, e inaspettatamente Yumiko le chiede di unirsi a loro.

Forse, alla fine, l’adorabile e pazza Princess ha trovato dei nuovi amici!

L’orda intanto viene condotta in direzione di Oceanside, come previsto dai sopravvissuti, ma la pazzia di Beta e delle allucinazioni alquanto precise lo convincono a cambiare direzione. Un povero gatto ciccione è la conferma finale che lo porta direttamente al rifugio  del team family.

Insomma… chi non seguirebbe un gatto ciccione?

Quando Aaron e Alden cercano di avvisare il resto del gruppo del cambio di direzione, vengono catturati dai Sussurratori.

Episodio che, come accennato all’inizio, manca delle basi.

Non si capisce chi abbia avvisato degli spostamenti dell’orda, o come sia stata evacuata un’intera cittadina in un tempo indefinito, o quanto tempo sia trascorso dall’incendio di Hilltop. So che non è abitudine di The Walking Dead rendere conto dei salti temporali o di certi avvenimenti che sembrano caduti dal cielo, ma a volte lo spettatore sente il bisogno di avere una spiegazione esplicita di quanto accade, senza perdersi dietro a indizi e sottintesi.

Tipica puntata che serve solo a introdurre un personaggio nuovo e a sistemare gli altri come pedine sulla scacchiera, con qualche momento emozionale che da solo tiene in piedi una struttura abbastanza carente.

Senza infamia e senza lode.

Fulvia Elia

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione Serie Tv: L.A.’s Finest – 1×5 – “Farewell”

Minacce, sospetti e bugie per un episodio un ...