Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: The Rookie, stagione 1, episodi da 1 a 16

Recensione Serie Tv: The Rookie, stagione 1, episodi da 1 a 16

The Rookie, stagione 1, episodi da 1 a 16

Progetto grafico a cura di AstreaLux

Nathan Fillion. Capito, Fenici? È davvero necessaria una puntigliosa recensione per farvi desiderare di vedere una serie il cui protagonista è quest’uomo, questo attore, questa creatura straordinaria?

C’è Nathan, garanzia di qualità, divertimento e tenerezza.

Ho deciso di unire i primi sedici episodi perché rappresentano la perfetta evoluzione di John Nolan. Il nostro uomo si è separato da poco, è un impresario edile e un giorno assiste a una rapina in banca: questo è il momento in cui accantona i dubbi e le paure e decide di entrare nel corpo di polizia.

Niente di strano, in teoria, se non fosse che John Nolan è un uomo adulto con un figlio iscritto all’università e intende frequentare l’Accademia insieme a ragazzi appena diplomati.

Terminato il corso, dunque, lui e i suoi due compagni, Jackson e Lucy, vengono assegnati al dipartimento di Polizia di Los Angeles. Ad affiancarli nell’ultima fase di apprendimento, quella sul campo come reclute, ci sono gli agenti istruttori Lopez, Bishop e Bradford.

Nolan è un uomo buono, empatico, e ha studiato sodo per diventare un agente, però inizialmente i colleghi già in servizio attivo sono diffidenti nei suoi confronti. Vedono la sua scelta come il risultato di una crisi di mezza età e temono che i suoi anni siano un intralcio potenzialmente letale per chi lavora con lui. Col passare degli episodi, fortunatamente, vediamo che i pregiudizi crollano, lasciando il campo a un sano e goliardico cameratismo. Gli agenti istruttori sono sempre molto duri con le loro reclute, ma c’è grande fiducia reciproca, adesso.

Questa serie sfrutta in modo intelligente la visuale da parte della bodycam, dando quasi l’idea di assistere a un programma di Real Tv, inoltre i casi presentati sono ragionevolmente semplici e adatti a degli agenti di pattuglia. Non assistiamo mai a grandi lavori di indagine, anzi, quando si presenta l’occasione, arriva sempre un detective o un superiore che toglie ai nostri protagonisti il caso, ordinando loro di tornare sulle strade. Forse è solo un mio difetto, ma guardando questi episodi inizialmente mi aspettavo sempre qualche colpo di scena, una rivelazione, e invece la sua forza è proprio la normalità, resa speciale da quell’uomo straordinariamente semplice che è John Nolan.

Una persona buona, dedita con passione al suo lavoro e anche ai colleghi che lo circondano.

È per questo che non voglio rivelare assolutamente nulla di ciò che è accaduto nell’episodio 16, perché queste cose vanno viste, non lette.

Spero di avervi incuriositi. Questa serie merita di essere vista e, in un certo senso, abbracciata stretta stretta.

 

Snow White

Avatar
x

Check Also

Lost Canary

Recensione Serie Tv: Arrow 7×18 “Lost Canary”

Progetto grafico a cura di TessV Bentornati amanti ...