Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: The Rookie 2×8 “Clean Cut”

Recensione Serie Tv: The Rookie 2×8 “Clean Cut”

The Rookie

Recensione con spoiler

Buon compleanno agente Nolan!

Care fenici, festeggiamo questo genetliaco con due guest stars catapultate a Los Angeles direttamente dal Whedonverse: Alan “adorabile” Tudyk di Firefly/Serenity e Adam “specialista in personaggi odiosi” Busch, villain della sesta stagione di Buffy.

Il mio povero cuore!

Iniziamo questa recensione con le vicende di Bradford e Chen. L’istruttore deve ritirare un’onorificenza con West dopo il turno, ma la giornata inizia malissimo quando tampona una civile con l’auto di servizio. Per quanto sia stato involontario, viene considerata un’infrazione molto grave, che mette a rischio non solo la premiazione, ma anche la sua intera carriera. Mentre lui e la donna vanno in ospedale per degli accertamenti, Chen si occupa dell’auto.

La recluta si impone col responsabile dell’officina della polizia affinchè vengano fatti controlli approfonditi, e in pochi minuti scoprono che i segnalatori di frenata dell’auto tamponata sono stati disattivati manualmente. La donna e il suo fidanzato sono degli scammer, truffatori che simulano incidenti per ottenere rimborsi assicurativi.

Quando la affrontano in ospedale, i due agenti si rendono conto della sua sua buona fede e ottengono le informazioni necessarie a fermare l’uomo, in procinto di commettere un omicidio su commissione.

Lopez e West fanno accostare un uomo, che si rivela un corriere della droga: nel cercare di estrarre il sacchetto dal cruscotto, la recluta viene investita da una zaffata di polvere bianca, e per tutto il turno sembra sotto l’effetto di un qualche stimolante. L’istruttrice lo accompagna in ospedale all’insaputa dei capi per effettuare dei test, che per fortuna alla fine della giornata risulteranno negativi. Il suo comportamento era causato da una blanda reazione allergica e una pesante dose di autosuggestione.

Harper, simpatica come un istrice sotto l’ascella sinistra, chiede al sergente di anticipare di qualche mese la sua valutazione professionale, ma è restia a motivare la richiesta; Gray accetta solo dopo averla convinta a dirgli la verità, ossia che presentando una valutazione positiva in tribunale avrebbe maggiori possibilità di ottenere la custodia della figlia. Sarà lui, però, a fare coppia con lei, per vedere davvero come lavora.

In realtà Nyla si comporta bene e aiuta Tim con degli ottimi consigli dopo l’incidente; fa inoltre delle osservazioni intelligenti, ma soprattutto gentili, al sergente, che finalmente inizia a vedere l’essere umano sotto il costume da stronza.

Passiamo infine al nostro protagonista, che nel suo giorno libero viene chiamato a presidiare una scena del crimine, in attesa del via libera dal comando. Il tempo scorre lentamente e la batteria del telefonino si esaurisce molto presto, lasciandolo nella noia più totale fino all’arrivo dell’incaricato per la pulizia.

Quest’uomo timido e un po’ schivo, così gioviale al telefono con Nell e insicuro di persona, si rivela una piacevole compagnia per Nolan; insieme si aggirano sulla scena del crimine scovando indizi e ipotizzando dinamiche, fino a quando i colpevoli del delitto non irrompono nuovamente per cercare i soldi nascosti dalla vittima.

Ne segue uno scontro a fuoco e una sorta di avvincente caccia all’uomo, che vedono trionfare la nostra recluta preferita e anche un po’ l’addetto alle pulizie.

L’episodio si conclude con un affettuoso brindisi di compleanno con reclute, istruttori e la dottoressa Grace che festeggiano un emozionato Nolan.

 

Che dire, Fenici… il solo fatto che Fillion e Tudyk siano stati nelle stesse scene, con la loro chimica e l’amicizia che li lega da decenni, fa schizzare questo episodio nell’olimpo dei preferiti nerd di sempre. Inoltre, seppur fosse solo una comparsa, il personaggio di Elroy è stato costruito così bene che sembrava lì per restare (e magari, aggiungerei); supportato poi da quel tipo di recitazione che ti fa sentire davvero le emozioni del personaggio, è davvero un dispiacere pensare che difficilmente lo rivedremo. Viene da chiedersi se, complice l’uso di Sara Rue come dispatcher del comando e il rapporto creato tra i due, non ritroveremo Elroy su qualche altra scena del crimine, o come fidanzato di Nell.

Come sempre, davvero una bella storia.

 

DarkSide

DarkSide

Lascia un Commento

x

Check Also

Be the

Recensione Serie Tv: The Magicians – 5×12 – “The Balls”

Care Fenici, quello che sto per raccontarvi è ...