Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: THE GIFTED – PRIMA STAGIONE

Recensione serie TV: THE GIFTED – PRIMA STAGIONE

Ciao Fenici!

Oggi voglio portare all’attenzione una serie ispirata ai celebri personaggi mutanti e al mondo X-Men: The Gifted.

La prima stagione è stata creata da Matt Nix, prodotta da Fox, 20th Century Fox Television e Marvel Television. Uscita in tv nel 2017, racconta le vicende di Reed Strucker, un padre che pur di proteggere i figli mutanti dal governo nemico, si unisce alla Resistenza dei Mutanti, un gruppo clandestino di persone con il gene X che, dopo la scomparsa degli X-Men, combatte per ottenere diritti e libertà.Dubbiosa sulla realizzazione complessiva della serie, all’inizio non ero convinta se iniziare a seguirla fosse una buona idea o meno.
Fortunatamente i risultati hanno superato di gran lunga le aspettative.
La serie non racconta cosa ha determinato la scomparsa degli X Men, semplicemente ci ritroviamo in un mondo in cui la guerra tra Sentinal Service e i mutanti sta per scoppiare.Il tutto ha inizio quando Reed e Caitlin Strucker, che lavorano per il governo anti-mutanti, scoprono che il gene X è presente nei loro figli Andy e Lauren.
A seguito di questa shockante notizia, pur di difendere la famiglia, Reed e Caitlin decidono di portare i loro ragazzi al sicuro causando un inasprimento degli scontri tra sentinelle e mutanti.

La serie è davvero ben fatta. Le questioni familiari e mutanti si intrecciano così armoniosamente tra loro da sembrare un tutt’uno, tanto da non riuscire a scindere le une dalle altre.
Entrambe le questioni sono talmente ben sviluppate da rendere difficoltoso, per lo spettatore, il prendere una posizione netta per un fronte o per l’altro.
Il tutto è ben condito da temi sensibili alla nostra realtà quotidiana.

Nelle vari film sugli X-Men, il mutante è sempre stato descritto come una sorta di eroe o un errore della genetica. In questa serie, gli autori hanno saputo rendere più umani questi personaggi dotati di un elevato potenziale privandoli dei costumi che li hanno caratterizzati nelle serie precedenti.
Anche The Gifted, come altre serie televisive, alterna momenti di brivido con parti decisamente meno interessanti. La peculiarità è che in questa serie, certi down recuperano alla grande con colpi di scena ed episodi di fattura incredibile.
Non possiamo lamentarci, la serie è un ottimo adattamento televisivo grazie anche alla fotografia.
L’interpretazione del cast non è sempre eccellente e certamente non aiutano le eccessive citazioni nei dialoghi.

Il finale di stagione eleva le aspettative sulla seconda stagione con una rottura familiare. Cosa dovremo aspettarci nella seconda stagione?

I personaggi che ho amato maggiormente sono stati John e Lorna, che con Marcos rappresentano i capi dei Mutanti Clandestini.
Visti nel loro insieme, ho apprezzato anche Andy e Lauren. Due personaggi che a un primo sguardo appaiono molto simili ma che con l’evolversi della storia, si dimostrano molto diversi. Lauren con la grande razionalità con cui affronta le situazioni, dimostra immediatamente di avere spiccate qualità di leader.
Andy invece, è più viscerale nelle proprie reazioni. Atteggiamento che non è detto si riveli sbagliato. L’attore è stato bravissimo nel trasmettere la crisi interiore del personaggio mixando sentimenti di paura, rabbia e vendetta.

Il personaggio che ho amato di meno è senza dubbio Caitlin, sempre decisamente fuori luogo tra i mutanti e perennemente in modalità mamma chioccia.

Nel complesso la prima stagione ha dimostrato un ottimo potenziale e questo lascia ben sperare per la seconda stagione.
Vi consiglio di non perdere l’occasione di seguirla. Non ve ne pentirete promesso!

A presto con la seconda stagione!

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione Serie tv: Future Man 1×06

Fenici, magari questa volta il titolo non lo ...