Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie Tv: The Flash S5e06 – “The Icicle Cometh”

Recensione serie Tv: The Flash S5e06 – “The Icicle Cometh”

The Flash S5e06 - “The Icicle Cometh”

Progetto grafico a cura di TessV

Salve velocisti!

Questa settimana, Flash torna in scena con un episodio mediocre. Eravamo rimasti (QUI) al recupero dei Satelliti da parte di Cisco, grazie ai quali il Team scopre il luogo in cui è caduto il nucleo del satellite, durante l’Illuminazione.

Mentre Iris, Nora e Sherloque recuperano il satellite in cui è racchiusa la Materia Oscura, Ralph con l’aiuto di Cecile cerca di ottenere la lista delle persone rimaste ferite da pezzi del satellite stesso così da capire chi sia Cicada.

Grazie alla lista e all’intuizione di Joe, che crede che sotto la maschera di Cicada si nasconda un padre di famiglia, il team è sulla buona strada per scoprirlo. Barry e Cisco accompagnano Caitlin nella ricerca dell’uomo nel luogo indicato dai satelliti, che pare si trovi al polo nord.

Trovano Thomas Snow che da anni vive in una base, sigillata dalla stessa moglie, durante i quali ha continuato le cure sperimentali per eliminare la sua malattia. Scopriamo anche com’è avvenuta la nascita di Killer Frost e di come la sua presenza sia, in effetti, la cura per Caitlin dalla stessa malattia del padre.

Non tutto è rosa e fiori e penso che se seguite la serie dovreste ormai saperlo. Il racconto di Thomas presenta dei buchi che portano Cisco a indagare, portando a un litigio tra i tre amici. Una volta compresa la gravità e la verità delle parole di Cisco, è troppo tardi. La parte malvagia di Thomas Snow si rivela, affermando che il vero Thomas è imprigionato da anni nella sua stessa mente.

Il lato malvagio si rivela un degno avversario, anche se è stato utilizzato solo per riportare in scena Killer Frost e fare il punto sulla situazione di Caitlin.

In tutto l’episodio, mentre il team cerca indizi su di lui, Cicada continua la sua missione per scovare i meta e ucciderli nonostante la ferita al petto continui a peggiorare.

Allora…..

È stato divertente guardare la situazione di Cecile che, non mi sarei mai aspettata di dirlo, forma con Ralph un’ottima squadra. Il merito penso sia dovuto a Ralph, un personaggio che riesce a legare e creare una certa alchimia con chiunque gli stia accanto.

Ho trovato giusto che Caitlin fosse accompagnata anche da Barry. Quest’ultimo ha sempre avuto un ruolo marginale nelle indagini, ma resta al fianco dell’amica anche nelle situazioni più delicate.

Sulla storia del padre di Caitlin, non ho avuto molte sorprese. C’era da aspettarsi una cosa del genere. Mi è piaciuto come è stata gestita la situazione. Un trama trita e ritrita, ma siamo umani, i sentimenti ci portano ad essere ciechi ed è giusto che, anche nella finzione, sia così. Cisco ricorda l’amico/fratello che c’è sempre per riportarti sulla retta via.

Non riesco ad apprezzare invece Nora, che sembra aver riscoperto una parte di Iris mai vista! Possibile che un salto nel vuoto da un grattacielo possa far cambiare idea o dare una prospettiva diversa?

Ok, che lei della madre non sa nulla a causa dei pregiudizi e delle bugie che accadranno nel futuro, ma questo suo comportamento mi pare un’esagerazione. Vede la madre come l’eroe che ha sempre visto e creduto esistesse solo in suo padre.

Ripeto, mi aspetto questo comportamento da un bambino. Non mi interessa il passato ma sei adulta, contieniti!

Insomma un primo K.O tra padre e figlia a suon di ghiaccio.

Son contenta di rivedere Killer Frost e voi?

Alla settimana prossima!

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS