Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV: The Flash -6×06- “License to Elongate”.

Recensione serie TV: The Flash -6×06- “License to Elongate”.

Flash

Sinossi dell’episodio:

Barry si dedica anima e corpo a preparare Ralph ad affrontare la vita dopo la Crisi senza The Flash, ma sarà proprio Ralph a insegnargli qualcosa.

Nel frattempo, Cecile affronta un momento molto introspettivo, mentre aiuta un “recuperato” Chester P. Runk a rivendicare la sua identità.

Commento

Beh, Danielle Panabaker alias Caitlin Snow, ancora una volta alla regia, non poteva regalarci nulla di più bello.

Il sesto episodio ci porta a vivere una serata a tema James Bond, molto divertente, dove nulla è scontato.

Mi è piaciuto il modo in cui è stato strutturato e come Ralph dimostra le sue competenze di investigatore privato a Barry. Barry è pronto a lanciare Elongate Man come nuovo eroe di Central City, ma sarà Ralph a regalargli una delle lezioni più belle e importanti, e a fare un regalo a sorpresa importante a Barry Allen, quanto quello fatto a The Flash tempo addietro. La trama principale si basa sulle ricerche di Sue Deabon da parte di Ralph. Barry si propone di aiutarlo e alla fine, tra smoking e infiltrati a una festa di ballo si arriva al “Il mio nome è Dibny. Ralph Dibny…. E io sono Allen… Barry.”

Tralasciamo le risate che mi son fatta per la situazione di imbarazzo e di confusione… l’episodio ci mostra Ralph e le caratteristiche che lo differenziano da Barry e che dimostrano quanto l’uomo sia adatto al ruolo di nuovo eroe della città. Ralph è cresciuto molto e sarà per “il pensatore”, sarà per le diverse situazioni, continuo ad adorare il suo personaggio.

Come in un classico film a tema Bond non mancano la fuga, la cattura, i raggi laser e i satelliti omicida.

In breve, per quanto forse potrebbe non essere stata molto originale, ho apprezzato molto questa scelta di alleggerire la situazione, in un momento in cui la trama risultava un po’ pesante e  che ci sia stata una sorta di lezione prima che le Crisi inizino per davvero.

Nonostante la scelta del suo successore, per Barry, sia stata abbastanza ovvia, dato che Kid Flash non c’è, Vibe nemmeno e Frost è ancora immatura, penso sia anche la dimostrazione che malgrado le scene in passato  tra Barry e Ralph non siano mai state molte, il loro legame sia pian piano cresciuto.

Ma non è tutto: ho trovato totalmente inutile la parte di Cecile che aiuta Chester per capire il modo in cui sviluppare il suo nuovo lavoro, mentre mi è piaciuta la collaborazione tra Nash e Allegra Garcia. Nash ha sempre ribadito di voler uccidere The Monitor, e penso che l’occhiata data alla ragazza potrebbe essere un collegamento a questo!

Non vi so dire, sta di fatto che l’uomo non si fa problemi a rivelare l’identità di Flash alla aspirante giornalista e questo porta le cose su un altro piano. Allegra mi piace molto come personaggio, e spero che il farle sapere di Barry/Flash sia un modo per portare anche lei, come Kamilla, nel team.

Unica nota negativa: perché per quanto ci si provi, alla fine si dimenticano sempre i dettagli?

Il passaggio tra Flash e Elongate Man dovrebbe essere un qualcosa che per il team Flash si, causa malinconia, ma allo stesso tempo, porta Ralph a conquistare un traguardo e invece?

Sia Cisco, sia Iris, sia Caitlin (come Frost) mancano. Per non parlare poi di come, ancora una volta, il personaggio di Iris viene meno al suo ruolo e dimostra come sempre di non avere una stabilità.

Quando tuo marito riceve a sorpresa una medaglia, io da giornalista, e da donna fiera, vorrei essere in prima linea, nonostante tutti i giorni ti dimostri che son fiera di te e invece…

Comunque manca poco alle crisi, vedremo come si evolveranno le cose.

Siete entusiasti?

Fulvia Elia

Fulvia Elia

Lascia un Commento