Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: The Flash 6×04 “There Will be Blood”

Recensione Serie Tv: The Flash 6×04 “There Will be Blood”

Meet Harrison Nash Wells

 

 

Be’, di certo non possiamo lamentarci. The Flash ci fa trattenere il fiato e ci commuove in una puntata abbastanza emotiva.

 

Barry ha deciso di fidarsi e si prepara a lasciare tutto nelle mani di Cisco, il quale però non accetta gli eventi che accadranno durante Crisis on infinite earths. Il ragazzo scarlatto prova a farlo concentrare su qualcosa pur di insegnargli che essere un leader comporta responsabilità verso gli altri. Insomma, chi, secondo voi, Barry vuole provare a salvare?

Mr Ramsey rosso, che nel frattempo tenta di mantenere vivo l’interesse portando la sua trasformazione in villain a tema halloween. Ci riesce per qualche momento ma, se dovessi scegliere il mio momento preferito, sarebbe sicuramente il confronto tra Joe e Barry.

 

 

A parte una performance di Grant e Jesse – nuda e cruda, eccellente, convincente, e devastante – vediamo Joe lasciare andare tutte le emozioni pensando che per Barry non ci sia salvezza. Eppure come si salva un eroe, un figlio che non vuole essere salvato?

Questa è una lezione che Cisco deve ancora imparare e lo farà a suo modo, ma porterà una delusione a Barry.

Il ragazzo stesso, però, sembra non fare quello che ha detto a Iris. Non combatte, non ci prova nemmeno a tentare una soluzione, si lascia semplicemente convincere che la verità è questa e bisogna accettarla.

 

 

Nel frattempo, il ritorno in scena di Harrison Nash Wells – che sembra sulle tracce di The Monitor e di questo siero in grado di aiutare il dottor rosso – porta a riflettere. Barry non pensa minimamente di utilizzarlo per sé, e l’idea che Cisco gli abbia nascosto di averlo trovato non è bello da vedere. Se fossi stata Cisco? Avrei fatto lo stesso.

Tutti stanno affrontando il dolore, e mai come adesso Ralph dice quello che tutti pensiamo “Vai a casa, Iris, e goditi gli ultimi momenti con tuo marito”. Perché è vero, fin dal primo episodio, fin dalla grande rivelazione, Barry e Iris non hanno ancora affrontato le loro emozioni, sempre pronti a metterle in disparte per gli altri. Inutile lasciare qualche lacrima qua e là, se poi tendono a evitare la situazione.

Dal lato Killer Frost, be’, non sono molto contenta. Caitlin ancora non ha detto una parola e in questo momento penso sia cruciale anche la sua, di reazione.

Tiriamo le somme: il quarto episodio poteva essere gestito meglio, eliminando qualche storia inutile, dedicandolo maggiormente al rapporto che tutti nel team hanno con Barry e sulla sua imminente morte.

 

 

 

 

Eve

Eve