Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie tv: The Flash 5×18 “Goodspeeds”

Recensione Serie tv: The Flash 5×18 “Goodspeeds”

Failure is an Orphan
Progetto grafico a cura di TessV

Bentornati velocisti!

Questa settimana Flash ritorna con un episodio bellissimo, nel quale si scopre l’origine di un personaggio che fin dall’inizio ha incuriosito: Nora. Tutto grazie alla regia di Danielle Panabaker, volto noto della serie come Caitlin Snow/Killer Frost, che rende l’episodio un omaggio al Barry Allen della prima stagione, riportando alcuni suoi tratti nella figlia.

Così viaggiamo fino al 2049, dove una normale quanto imbranata Nora, mentre lavora per la scientifica di Central City si imbatte in un possibile velocista.
Da qui, una serie di eventi, che ricalcano quelli accaduti a Barry, portano la ragazza a scoprire di essere una meta, ma non ricevendo risposte plausibili dalla madre sulla sua condizione, finirà per rivolgersi a Eobard Thawne per scoprire la verità.

Mi è piaciuto molto questo episodio, sia nella regia che nel montaggio. Ogni scena è interessante ed è stato bello conoscere Nora sotto un altro punto di vista: mentre cerca la verità su suo padre, coinvolgendo un’ignara I.A. Gideon, rafforza il suo rapporto con Eobard, mentre scopre la verità. Il filmato di Barry, tenuto da Gideon e mostrato a Nora nel futuro Flash Museum, è stato molto bello e intimo. Ho apprezzato anche il continuo mantenere le distanze da parte di Barry verso la figlia dopo aver scoperto la verità nel presente; a differenza di Iris che, volendo ricucire una ferita inferta da lei stessa nel futuro, dà alla figlia la possibilità di spiegare. E questo porterà in Barry a rafforzare l’idea di non voler avere più contatti con lei, nonostante si avverta che gli fa male.

Dopo le tante cattiverie e gli inganni ricevuti a volte cercati, altri arrivati senza richiesta, Barry riporta Nora nel futuro senza dare modo al Team di salutarla. Lì affronta Eobard, a cui non è rimasto molto da vivere. Vedere il velocista ferito non è piacevole e l’interpretazione di Grant, che non brilla di solito nei momenti sentimentali, questa volta colpisce e convince.
Inoltre, il video messaggio ci porta a molti quesiti:

  • dal cielo rosso, notiamo benissimo che Barry sta per affrontare la battaglia che dovremmo vedere l’anno prossimo con Crisi sulle Terre infinite Parte 2.
  • nel video Barry è consapevole di essere padre… quindi a livello di tempistica, se il crossover sarà tra un anno, la comparsa di Nora avverrà prima… quindi questo potrebbe portare a uno squilibrio di tempo… o sarà una caratteristica della prossima stagione?

Ma non lasciamoci distrarre da questo.

Fiducia si, o fiducia no?
Questo è il primo “litigio” tra neo-genitori per Iris e Barry sulla figlia, e penso che ne vedremo ancora delle belle, in quanto la donna è all’oscuro di quanto ha fatto il velocista con Nora. In un secondo momento, Barry si pentirà di aver minacciato Nora di non tornare più nel passato; se però si dovesse presentare questa evenienza spero che la trama sia ben congegnata.

Un altro personaggio su cui vorrei soffermarmi è Eobard.
Quanto vi è mancato l’Harrinson Wells originale?
A me tantissimo, e i vari Corri Nora Corri, o il discorso per far vibrare la ragazza, come con Barry, mi ha portato a provare nostalgia, più di quanto immaginassi. Potranno esistere infiniti Wells, che gli autori proveranno ad inserire… ma l’unico, inimitabile, divino è l’originale. Tom non perde il tocco, e riesce come sempre, anche con quella voce sussurrata, ad eseguire una bella performance.

Altro, da non dimenticare è il velocista bianco del futuro. Certamente la sua storia è stata fin troppo corta con la risoluzione della sua cattura da parte della polizia, ma ho apprezzato l’esecuzione e lo sviluppo. Sarebbe stato interessante continuare ad utilizzarlo. Ma grazie ai salti nel tempo, è facile che qualcuno o qualcosa venga ripescato, no?

Beh, non so voi, ma a me la regia di Danielle piace. Molto nitida e luminosa come fotografia, ma anche molto pulita nell’esecuzione, e ordinata nello sviluppo. Il suo modo di raccontare e vedere le scene mi piace tanto, anche più di quello di Tom.

Speriamo di vederla maggiormente dietro la cinepresa, che ne dite?

Teresa

Teresa
x

Check Also

Una Serata al Cinema: Spider-Man: Far From Home

Titolo: Spider Man Far From Home Regista: Jon ...