Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie tv: The Flash 5×03 “The death of Vibe”

Recensione serie tv: The Flash 5×03 “The death of Vibe”

Un nuovo episodio per il nostro eroe The Flash 5×03 The death of Vibe”

Progetto grafico a cura di TessV

Salve gente, l’episodio di Flash di questa settimana si chiama “ La morte di Vibe”. Titolo molto ambiguo.

La settimana scorsa abbiamo lasciato il Team al primo scontro con Cicada che ha lasciato il team con l’amaro in bocca. Con l’arrivo di Nora, la linea temporale presenta delle anomalie, che appunto riguardano anche il nemico prossimo. Cicada è arrivato con molto anticipo e nel futuro Flash non riuscirà mai a catturarlo.

In The Death of Vibe, il Team, nella speranza di conoscere maggiormente il suo avversario e di provare a rintracciarlo, chiede aiuto a una delle tante versioni di Harrison Wells nel multiverso. Lo stesso doppelganger consiglia di provare con Sherloque Wells, un detective famoso che è riuscito a catturare Cicada molte volte. Il team lo ingaggia e anche per una bella cifra.

Anche se in mondi diversi, Sherloque riesce sempre a catturare l’uomo, perché la sua identità è sempre la stessa. Purtroppo, come nelle ultime volte che l’ha preso, l’uomo finge di impegnarsi e indirizza il Team, però, sull’uomo sbagliato. Si, perché Nora è la variabile che il “finto” detective non ha calcolato. La presenza della ragazza non ha anticipato solo l’arrivo del villain ma ha cambiato anche la sua identità.

Il Team si ritrova punto e da capo, senza una traccia dell’uomo che nel frattempo cerca un modo per arrivare a finire Vibe, cioè Cisco.

Attraverso le foto dei giornali, Cicada collega Vibe al detective Joe. Mentre il nemico tortura il poliziotto, senza peraltro ricevere nessuna collaborazione dall’uomo, c’è qualcuno che il villain non ha considerato: Cecile è al piano superiore. I poteri della donna si riattivano e, grazie a lei, il team viene avvisato del pericolo.

Vibe, però, anticipa tutti con una rottura e Cicada lo spinge di nuovo in essa andando a finire in una foresta.

Grazie al rumore e alla descrizione della foresta, il Team capisce dove si trovi Cisco e corrono ad aiutarlo, dato che i poteri di Cicada bloccano i suoi. Durante lo scontro, al quale non sembra esserci soluzione Nora, ripensando alle parole del padre, trova un piano che porta alla morte di Cisco.

All’inizio non riuscivo a crederci.

Era possibile che tra i tanti danni che combina, Nora non avesse pensato alla fine che avrebbe fatto Cisco con la sua mossa?

Eppure, in quegli attimi, prima di sapere la verità, mi stava prendendo un colpo.

Fingere la morte di Cisco ha dato modo di procurarsi altro tempo contro Cicada, che Joe dopo il breve incontro/tortura, capisce essere un padre come lui. Effettivamente l’idea del poliziotto è giusta. L’uomo che si traveste da Cicada ha una figlia in coma e anche la dottoressa sembra sapere qualcosa su di lui.

Intanto il mondo pensa che Vibe sia morto.

Considerazioni

L’episodio mi è piaciuto nel complesso, nonostante ci siano sempre quei piccoli dettagli negativi che non riescono a farmi dire Wow, bella puntata!

Il primo tra tutti è sicuramente il nuovo Harrison Wells: Sherloque . Questo personaggio si è mostrato essere un imbroglione e un antipatico. Se poi aggiungiamo che è francese, personalmente non li sopporto, sono portata a odiare il personaggio ancor di più. Non mi chiedete il motivo del mio fastidio contro i francesi, sarebbe troppo complicato e non c’entra assolutamente nulla con Flash.

Eppure, l’uomo sembra aver capito qualcosa su Nora, quindi forse (e lo sottolineo) non è poi così tanto stupido. Sta di fatto che a me non piace e spero di avere più versioni doppelganger come nelle stagioni passate. Intanto per rendere al team la somma che ha chiesto come pagamento, e che già speso, avremo questo personaggio ancora per un po’. L’unica nota positivissima per quanto riguarda lui è Tom, l’attore che lo interpreta e che, ancora una volta, riesce a vestire al meglio i panni di un personaggio. Penso che in una serie tv non ci siano mai stati così tanti personaggi diversi con lo stesso volto. Sensazionale!

In secondo luogo, ho apprezzato poco questa comparsa di Cecile. Mi spiego, per quanto Joe non abbia aperto bocca alle torture ricevute, è incredibile che dal piano di sopra non si senta quello che accade giù. Essendo mamma dovresti avere l’orecchio vigile per tuo figlio appena nato e invece quanto era intenso questo sonno? E poi, per quanto questi poteri , appariranno e scompariranno da soli? Tutto era divertente all’inizio adesso annoia un po’. Decidetevi, cari autori: poteri si, o poteri no per Cecile?

Continua invece a piacermi l’interpretazione di Nora, che si rivela essere ambigua, ma non riesci a capire quanto lo sia in realtà. Anche Iris continua a piacermi e non mi stancherò mai di dirlo perché , personalmente , sono ancora sconvolta che continui a piacermi.

Anche Barry sembra stia imparando il ruolo di padre e questa volta dimostra più risolutezza.

Cisco lo adoro come non mai. E credere alla sua morte, seppur per poco , mi ha destabilizzata. È quel personaggio che non può mancare , per la sanità di Barry e anche per la nostra. Il loro abbraccio alla fine , mi ha entusiasmato tanto. Anche se non sembra, perché non li vediamo quasi mai insieme a parlare, continuano a essere migliori amici e ad esserci l’uno per l’altro.

Infine, e non perché sia una cosa da non tenere conto: Caitlin ha forse trovato un indizio su suo padre dopo una giornata investigativa con Ralph. Mi piace il rapporto d’amicizia tra i due e allo stesso tempo come Ralph cambi velocemente dall’essere un po’ “stupido” a una persona fantastica.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS