Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: SUPERNATURAL S13xE05 Advanced Thanatology

Recensione serie TV: SUPERNATURAL S13xE05 Advanced Thanatology

Dalla strada che stava iniziando a percorrere siamo di nuovo tornati ai margini della carreggiata, aspettando cosa non saprei, forse un miracolo sotto forma di qualche apparizione non angelica che illumini la via di questa serie tv? Di cose da mostrare ce ne sarebbero, tipo l’altra dimensione in pieno armageddon tra angeli e demoni, oppure potrebbero riesumare qualche personaggio vecchio e amato della serie, per non parlare del ritorno di Castiel che è stato rimandato alla prossima puntata. Per rendere più inutile questo episodio mancava solo la presenza trionfale di Asmi. Ma, giustamente, sono qui per raccontarvi la vicenda, quindi abbiate pazienza e cercate di non sbuffare troppo. Il tema di oggi è la Morte. Fermi tutti, la Morte, come la conoscevamo noi ossia il vecchietto amante dei cetriolini del McDonald per intenderci, è morto stagioni fa, da notare come i fratelli non muoiano mai sul serio ma la Morte sì; fa tutto parte del grande disegno dei Winchester. I nostri eroi si trovano a dover fronteggiare una casa piena di povere anime dannate uccise da un dottore pazzo con il vizio di usare delle pseudo maschere veneziane della peste. Lo spettro del dottore pazzo si impossessa dei corpi delle vittime designate, ovviamente solo dopo che queste si sono introdotte nel suo laboratorio a schernirne il lavoro, e le induce a uccidersi con vari utensili, ad esempio come un trapano. Una schifezza, una via di mezzo tra Hostel, I tredici spettri e Freddy Krueger, che non fa minimamente paura (e io sarei una gran fifona), anzi! Una porcheria insomma, se nonché, dato che i fantasmi da lì non se ne vanno (neanche dopo la dipartita dello spettro del dottore), Dean ha un’idea brillante, una vera “genialata” (notare il sarcasmo!) morire per tre minuti così da chiedere alle anime intrappolate dove trovare i loro corpi e poterli bruciare. Ma dare fuoco alla casa intera no?!

Naturalmente il vecchio Dean, più cowboy da rodeo che vero umanista, commette l’errore di non considerare che i mietitori potrebbero non essere tanto felici di vederlo tornare in vita tutte le volte, soprattutto Billie, che invece di restare morta dopo la pugnalata di Castiel nella scorsa stagione, è stata promossa al ruolo di Morte. La regola è la seguente: il primo mietitore che crepa dopo la morte di Morte ne prende il posto. La cara dolce e amorevole Billie, in cambio della liberazione delle anime della casa del dottore, si fa rivelare notizie riguardo a Jack e al mondo aperto da lui, dopo di che si mette a cianciare con Dean della sua morte e della grande importanza che hanno sia lui che il fratello per la salvezza dell’umanità. Dean d’altro canto, ammette di voler morire perché è stufo di questa vita e delle sue sofferenze. A Billie, essenzialmente, non frega proprio nulla e lo rispedisce sulla Terra.

Al povero Dean non resta che la sola speranza di un mondo migliore, intanto Cass chiama per un passaggio.

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione Film Cult: The Wife – Vivere nell’ombra

DATA USCITA: 04 ottobre 2018 GENERE: Drammatico ANNO: ...