Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie TV: Supernatural 13×03 Patience

Recensione Serie TV: Supernatural 13×03 Patience

Pazienza, questo è proprio l’aggettivo giusto per questa nuova serie. Abbiamo, soprattutto io, bisogno di tanta, tanta, pazienza. Ricapitoliamo: Kelly morta, Crowley morto (spendiamoci almeno due lacrimucce), Castiel morto, “mammina triste” dispersa in un’altra dimensione con Lucifero e l’anticristo a piede libero, con i fratelli Winchester che giocano a mamma e papà alcolizzati con seri problemi di coppia. Tutto ok fino a qui? Avete fatto mente locale? Siete pronti a ricevere un paio di spoiler, di cui uno molto succulento? Bene, cominciamo.

Innanzitutto, in questo nuovo episodio i Fratelli si separano: uno resta a casa a impersonare il ruolo di Obi- Wan mentre l’altro conduce una caccia ad un Wraith insieme a JodiMills. Ciao Jody!

Il mio sceriffo preferito, in grado di far fronte a qualsiasi minaccia mantenendo il sorriso, aiuta Dean a uccidere il Wraith responsabile dell’omicidio di parecchi sensitivi, tra cui Missouri, vecchia amica dei fratelli (sarò sincera, di lei non ricordo assolutamente niente, non mi si accende nessuna lampadina). Ovviamente, crepa poco dopo averli chiamati, chissà come mai?! I nostri cacciatori riescono a uccidere il Wraith grazie alle visioni di Patience: la nipote di Missouri.

Intanto nel bunker, un certo Obi- Wan sta cercando di insegnare al suo Luke come usare i propri poteri (“muovi la matita con il pensiero Jack, così imparerai a controllare le tue doti, dai muovi la matita, accidenti sei proprio inutile Jack, riesci a mandarmi con il sedere all’aria ma non riesci a spostare una stupida matita?”). D’altra parte, dopo le parole crudeli di Dean (“appena trovo il modo di ucciderti lo faccio”) Jack ha paura di essere malvagio e di non avere speranze, ma dopo il messaggio video di Kelly (lasciato su una comoda chiavetta usb) e le parole toccanti di Sam, che ricorda bene cosa significa combattere contro il lato oscuro, i due arrivano ad un’intesa. Rovinata, però, inesorabilmente dal ritorno di Dean che accusa il ragazzo di tutti i mali del mondo, soprattutto della morte di Cass (notate che Castiel viene prima della fame nel mondo). Ed è così che avviene il miracolo. Jack sentendo le parole di Dean chiama Cass e, in un angolo oscuro di non so quale piano parallelo, un uomo con un orrendo soprabito si sveglia.

Danny

Ammetto che quest’episodio mi è piaciuto di più rispetto agli altri due, probabilmente per merito di Jody. Adoro quella donna! Tornare alla caccia è stato come uscire da un tunnel nero, finalmente un po’ di avventura e vecchio Supernatural. Sarà una bella stagione solo quando Dean smetterà di indossare la maschera della tristezza tornando ad abbuffarsi di crostata e birra. Mi manca il vecchio Dean, addirittura comincio ad affezionarmi a Sam. Urgono ripari! Su ragazzi, date il meglio di voi e fateci sognare di nuovo!

A questo link potete trovare la recensione del primo episodio

http://www.romanticamentefantasy.it/recensione-serie-tv-supernatural-13×01-last-and-found/

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS