Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie tv: Supergirl – S4e03 “Man Of Steel”

Recensione Serie tv: Supergirl – S4e03 “Man Of Steel”

Supergirl – S4e03 “Man Of Steel” Supergirl – S4e03 “Man Of Steel”

Supergirl – S4e03 "Man Of Steel"

Progetto grafico a cura di TessV

Salve ragazzi.

L’episodio di questa settimana è stato molto istruttivo a livello di contenuti ma, a mio parere, molto noioso. In Man Of Steel scopriamo finalmente chi si cela dietro Agent Liberty, un uomo che a causa degli alieni ha perso tutto fino a provare solo rabbia nei loro confronti.

Due anni prima

Grazie a vari flashback, torniamo indietro di due anni al famoso progetto Myriad, a quando le acciaierie Lockwood subiscono un duro colpo a causa della decisione del Signor Lockwood di vietare l’utilizzo di metallo alieno NTH nella lavorazione dell’acciaio. Non aiuta l’apertura di una nuova fabbrica che lavora, in esclusiva, il metallo alieno dal lato opposto della strada.

Ben Lockwood, inizialmente, cerca di calmare la rabbia del padre e dei suoi dipendenti ma, durante l’invasione Daxamita, gli avvenimenti portano la famiglia Lockwood alla bancarotta.

Tutte queste invasioni di certo non hanno reso facile la vita a questa famiglia, come a tante altre, che in più perde la casa. Ben, travolto dagli eventi comincia a cambiare atteggiamento, tanto da perdere il suo lavoro di stimato insegnante di storia, a causa dei suoi discorsi anti-alieni. Tutto questo porterà al suo reclutamento da parte dei Fratelli Graves e alla sua trasformazione in Agent Liberty.

Nel presente

Mentre i fratelli Graves hanno lanciato nell’atmosfera la kriptonite e si preparano a entrare al DEO, Alex avvisa J’onn del pericolo a cui è esposta Supergirl. La ragazza, svenuta in volo e salvata dal marziano, non ha speranze.

Il dispositivo di Lena, così come com’era successo con il piombo con cui era stata contaminata l’atmosfera ed era stato letale per i Daxamiti, adesso impedisce ad alieni come Kara di poter vivere sul nostro pianeta.

Al DEO non riescono a trovare una soluzione per metterla al sicuro. Lo scudo creato da Winn non riesce a proteggere Kara come sperato, perché le emissioni sono troppo potenti e neanche l’esposizione ai raggi solari, fonte del suo potere, aiuta la ragazza e Alex è costretta a chiedere aiuto a Lena.

L’episodio mette da parte la protagonista, per incentrarsi sul villain. Il racconto delle origini non mi ha coinvolta. Mi è piaciuto il riferimento che la regia e gli sceneggiatori hanno fatto a “Il Pensatore” in The Flash dello scorso anno. Finalmente qualcosa di buono in Supergirl!

In questo episodio un punto va a favore dei cattivi, che questa volta sono umani che grazie all’uso delle parole e ad una motivazione ben precisa, riescono a tener testa, se non a superare, nemici di natura aliena.

Alla prossima !

StaffRFS

StaffRFS