Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV: Supergirl -5×10- “The Bottle Episode”

Recensione serie TV: Supergirl -5×10- “The Bottle Episode”

 

bottle episode

Progetto grafico a cura di Teresa

Sinossi episodio:

Mentre Lex Luthor cerca di iniziare una tregua con Alex e Kara, molto restie nel credergli, al DEO e a National City compaiono doppioni tra cui Brainiac-5 che a differenza del vero Brainy di ex Terra-38 non hanno gli inibitori e sfruttano il loro potenziale. Come dice il titolo la trama ruota intorno a una bottiglia contenente una delle tante terre del multiverso che è stata ibernata e rimpicciolita prima che le crisi la cancellassero definitivamente. Il problema sorge quando “qualcuno” decide di voler riaprire e liberare quel mondo, mettendo a repentaglio l’unica e sola Prime Earth!

Recensione

Fenici, ben ritrovati con Supergirl che, dopo gli eventi di Crisi, è forse la serie con maggiori risvolti oltre a Green Arrow e vedremo forse The Flash.

Supergirl ritorna e lo fa in un modo che non mi ha fatto impazzire, quindi ho un po’ di cose da dire.

Se dopo l’interessante post pubblicitario vi siete detti “Ma che cavolo!”. La scena di lotta con la scelta musicale degli NSYNC mi davvero lasciata basita…

Ma che è?

Che schifo, da vergogna!

Imbarazzante sul serio.

Davvero stonava moltissimo ed era surreale… mai come ora sento la mancanza di scelte più azzeccate come quella in 5×01 “Event Horizon” con Supermassive dei Muse.

Andiamo avanti.

Diciamo che l’arrivo alla metà della stagione porta in Supergirl una sorta di confusione che nell’insieme funziona e la rende abbastanza intrigante e lontana da quella noiosa realtà sulla tematica sociale che continuava ad essere al centro di tutto. Si respira un’aria diversa, e non è solo dovuto al fatto che in questa realtà sorella e fratello Luthor sono due pionieri e due buone persone.

Nonostante tutto Lex cerca di voler far continuare questo apparente buon rapporto agli occhi del mondo, mentre chi è stato in prima e seconda fila nelle Crisi continua a vederlo per com’è, un uomo abile, manipolatore e pazzo.

E la cosa che mi entusiasma è proprio questa!

Finalmente abbiamo modo di conoscere meglio Lex, seppur diversamente, e approfittare della grande interpretazione di Jon Cryer. Eppure non ci fermiamo qui, perché a quanto pare ne ha combinata un’altra.

Tutti noi ci aspettavamo che con gli eventi sempre di post Crisis, Lena tornasse quella raggiante donna diversa da quella buia e arrabbiata che era stata negli ultimi episodi, pronta a lanciare il suo progetto “Non Nuocere”. Speravo che Lena non ricordasse nulla e invece Lex fa in modo che la sorella torni al punto di partenza: ostile nei confronti di Kara e pronta a lanciare il suo progetto. Poteva essere un modo per rinascere, sia come persona che come amica per Kara che, nonostante tutto, non ci pensa due volte a dire la verità e rimane delusa quando scopre che lei ricorda tutto.

Altri piani insomma per i Luthor e spero davvero di veder Lena cambiare perché, per quanto la malvagità di Lex sia interessante, quella di Lena non lo è affatto. È solo una donna afflitta dal dolore e dalla perdita di fiducia. La scelta del male minore, come le ha detto la madre, per quanto possa essere buona per lei, non lo è ai miei occhi e come personaggio sofferente sta stancando.

Per arrivare al culmine di questo episodio devo dire che si riconferma la bravura di Jesse Rath con i suoi ben quattro Brainiac-5, compreso quello di Prime Earth, e di una donna interpretata dalla sorella di Jesse.

Chi l’avrebbe mai detto?

Ho amato le loro interpretazioni e l’unica cosa di cui non sono stata molto convinta è la spiegazione dei doppelgänger e di come il Brainy cattivo sia riuscito a miniaturizzare il suo mondo prima dell’onda di antimateria e salvarlo.

Insomma, l’episodio mostra che quanto accaduto in Supergirl pre-Crisi sta continuando, con alcune differenze: personaggi che, da secondari, sono diventati il punto centrale.

Non so quanto sia buona la partnership di Brainiac – 5 con Lex e il fatto di tenerlo segreto, ma di certo non posso dire che Supergirl cerchi di mantenere vive più trame di quante ne riesca a controllare. Il rischio come sempre è quello di rovinare tutto e tra il Leviatano, la Obsidian e il Non Nuocere c’è da capire su cosa punteranno.

Inoltre ricompare la figura di Winn… voi che ne pensate?

Se alla fine dell’episodio vi è venuto mal di testa, non siete gli unici.

Alla prossima

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento