Home » Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip » Recensione Serie Tv: Stateless – 1×06 – “The Seventh Circle” – Finale di stagione

Recensione Serie Tv: Stateless – 1×06 – “The Seventh Circle” – Finale di stagione

Finale di stagione

Ciao a tutti, amanti delle serie TV!

Eccoci finalmente arrivati alla puntata finale di quest’avvincente dramma australiano.

Nell’episodio precedente, Ameer finisce in isolamento per aver aggredito uno dei suoi compagni di sventura, perché crede – erroneamente – di essere stato da lui tradito e per questo finito sotto la lente d’ingrandimento degli ispettori che devono decidere l’assegnazione del visto.

La sua posizione si aggrava progressivamente a causa di alcune false accuse e un video compromettente che lo ritrae insieme al trafficante di esseri umani che lo ha derubato dei soldi per il viaggio in Australia. Messo alle strette, ma non potendo tradire la fiducia dei suoi compagni, l’uomo compirà uno straziante sacrificio per preservare ciò che ha di più caro: sua figlia.

Cameron nel frattempo è promosso coordinatore delle guardie come vice di Harriet, che ha assunto ad interim il posto di Brian Ashworth costretto a dimettersi in conseguenza della fuga di alcuni detenuti avvenuta nei precedenti episodi. La giovane guardia però pagherà un duro scotto per alcune sue scelte scellerate.

La povera Sofie invece si è definitivamente giocata il cervello; passato e presente si soprappongono nella sua folle mente, alienandola da ogni capacità di discernimento.  Fortunatamente, la sorella Margot si rivela essere una donna piena di risorse e, proseguendo con le sue ricerche, riesce a capire come trovarla. Preparatevi, perché non appena la foto di Sofie arriva nelle mani di Clare, diventa subito chiaro che la detenzione illegale di un cittadino australiano rischia di sommergere Barton e il dipartimento sotto una slavina di m****, qualora la notizia dovesse arrivare alla stampa.

A differenza del ritmo molto lento dei precedenti episodi, questo finale di stagione si contraddistingue per un ritmo serrato ed emozionante che tiene incollati allo schermo. Molto bene! Ho rivalutato il personaggio di Clare, credevo fosse una bastarda senza cuore e invece rivela un lato sorprendentemente empatico.

Al momento non ci sono notizie circa la produzione di una seconda stagione, ma non è stata confermata nemmeno la cancellazione della serie. Sebbene le vicende di alcuni dei personaggi giungano a una conclusione, l’epilogo lascia aperti molti interrogativi che forniscono materiale per un potenziale sviluppo della storia.

Ve lo confesso, i titoli di coda mi lasciano qualche dubbio su come potrebbe svilupparsi un’eventuale seconda stagione, perché sono menzionati alcuni dei fatti reali da cui Stateless trae ispirazione e sono forniti dettagli sulle successive evoluzioni di tali eventi. Se così fosse e la serie non fosse rinnovata, ne resterei molto delusa ma qualunque ipotesi è ancora prematura.

Non resta che attendere notizie in merito.

Buona visione e alla prossima.

 

DarkSide

DarkSide

Lascia un Commento

x

Check Also

Ricordi: Once Upon a Time – Settima stagione

Ciao Fenici, oggi vi parlo di una serie ...