Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV: Stargirl -episodi 1-5-

Recensione serie TV: Stargirl -episodi 1-5-

Stargirl

Progetto grafico a cura di Vita Firenze

Stargirl è una serie televisiva statunitense, basata sul personaggio della DC Comics Stargirl creato da Geoff Johns e Lee Moder. Dieci anni dopo la morte della Justice Society of America durante una battaglia con la Lega dell’ingiustizia, la studentessa liceale Courtney Whitmore scopre lo Scettro Cosmico e, dopo aver scoperto che il suo patrigno Pat Dugan era stato una spalla di Starman, decide di diventare il capostipite di una nuova generazione di supereroi.  (Fonte Wikipedia)

Stargirl è una serie leggera, senza pretese, per chi ha voglia di rilassarsi e non dover impegnare troppo la mente.

La si apprezza appieno se si tiene conto che è della DC con tutti gli annessi e i connessi, che è una serie teen e che molti particolari o addirittura scene sono identiche a quelle Marvel.

Episodio 1: Plot

1o anni prima: Starman e tutti i super eroi vengono uccisi dai cattivi. Il suo aiutante Stripe/Pat Dugan è l’unico sopravvissuto alla strage. Pat custodisce gelosamente tutti i cimeli dei super.

Oggi: Courtney Withmore (Brec Bassinger) vive con la madre Barbara (Amy Smart-fra gli altri il cult movie Rat Race) in California finché questa non si sposa con Pat Dugan (Luke Wilson – fra i tanti X-Files) e assieme al figlio di lui, Mike (Trae Romano), si trasferiscono a Blue Valley in Nebraska.

Per una ovvia serie di coincidenze Courtney trova lo scettro cosmico, appartenuto a Starman che lei pensa sia il suo padre biologico. Lo scettro ha la sua personalità e devo dire abbastanza simpatica, non fosse altro che assomiglia tantissimo al mantello di Doc Strange, ma da fonti certe so che questo è stato scritto prima, ora chi abbia copiato chi è da stabilire. Comunque la puntata come è giusto verte tutta su questa rivelazione, sul fatto che Courtney scopre chi sia in realtà Pat e sul robottone tipo trasformer che questo nasconde nella sua officina.

 

Episodio 2: S.T.R.I.P.E.

Per ora unico episodio senza un flashback.

Court si scontra col primo dei cattivi (che caso vuole abitino tutti a Blue Valley): Herry King Sr./Brainwave, (Christopher James Baker – Alla ricerca dell’isola di Nim) telepatico e telecinetico (vi ricorda qualcuno? Già) e lo scettro lo mette ko mandandolo in coma.

Pat col robottone porta via Court dalla scena dello scontro.

Scopriamo che i cattivi hanno un progetto che si chiama Nuova America e Blue Valley è il banco di prova (almeno è una spiegazione decente per il fatto che siano tutti lì).

Questo scontro riporta in città il supercattivo Jordan Mahknet/Icicle (Neil Jackson – fra gli altri Blade-la serie) che ci mostra il loro covo.

Facciamo anche la conoscenza di Henry King Jr. (Jake Austin, Walker-Bones), il figlio di Brainwave. Ovviamente è un bullo ed è il campione di football della scuola. Per ora è personaggio marginale, ma sono certa che in futuro avrà una parte importante, da quale lato della barricata ancora non si sa.stargirl 2 rfs

Episodio 3:  Icicle

Blue Valley 8 anni prima: Inizio inquietante identico a quello dei Guardiani della Galassia, ma riguarda Jordan/Icicle e suo figlio. Un minuto prima di morire la moglie gli fa giurare di rendere il mondo un posto sicuro per il loro figlioletto e che se qualcuno cercherà di fermarlo dovrà distruggerlo (alla faccia del morire in pace con Dio e con gli uomini).

Oggi: Henry King Sr è ancora in coma.

Jordan discute con un altro cattivo William Zarick, Il Mago (Joe Knezevich – The vampire diaries) accusandolo di essere un debole. Per dargli una dimostrazione gli uccide il figlio e quando il mago lo raggiunge a casa sua, giustamente infuriato, uccide anche lui. La moglie/madre disperata vuole andarsene dalla cittadina, ma prima parla con Pat, che a fine dell’episodio scopre che anche lei ha fatto una brutta fine.

Barbara, la madre di Court, intanto si fa notare al lavoro attirando su di lei le attenzioni di Jordan.

Court e Pat discutono. Lui vorrebbe che lei stesse fuori dai guai e che abbandonasse l’idea di sterminare i cattivi, lei di contro, gasata dalla sua prima vittoria, vuole rifondare la Justice Society of America con quelli che ritiene i degni successori dei supereroi morti, tanto che quando Pat le mostra la sede dove si riunivano, lei ruba tutti i loro cimeli convinta che la aiuteranno a riconoscerli (non ha tutti i torti come vedremo in seguito).stergirl rfs3

Episodio 4: WildCat

Tre mesi prima: Yolanda è una studentessa che ha tutto. Una famiglia che la adora e la sostiene, un fidanzato che apparentemente la ama, Henry Jr., ed è candidata come rappresentante del liceo. Tutto bene finchè, una sera, Henry le chiede di inviargli una foto sexy. Innamorata lo accontenta. Peccato che Cindy Bruman (Meg DeLacy – Chicago P.D.) -sono la stronza a capo delle cheerleader – rubi la foto dal cellulare di Henry e la diffonda in tutta la scuola rovinandole, ovviamente, la vita.

Oggi: Courtney cerca di aiutare Yolanda, ma lei all’inizio rifiuta ogni tentativo di contatto, fino a che cambia idea diventando WildCat. Insieme vanno all’ospedale per rubare la lista delle persone che hanno fatto visita a Henry Sr, così da avere un indizio su chi siano i cattivi, ma mentre se ne vanno Beth Chapel (Anjelika Washinton – Tall Girl) le vede e sente Courtney chiamare Yolanda per nome (pivelle).

Mentre sono nella stanza di Henry Sr, entra la preside e suona il violino per un po’ e poi se ne va. Inquietante direi.

 

Episodio 5: Hourman and Dr.Mid-Nite

9 anni prima: Rex Tyler completa in tutta fretta il suo diario e, insieme ad altre carte, lo spedisce a Pat.

La sera dopo lui e la moglie scappano in tutta fretta lasciando il piccolo figlio Rick al fratello di lei, Matt Harris (Adam Aalderks) che dovrebbe crescerlo come un buon padre, pessima idea. Promettono di tornare presto, ma si schiantano contro un albero poco distanti da casa.

Oggi: È il giorno di Halloween.

Nell’episodio precedente abbiamo visto che i cattivi vogliono costruire una macchina, anche se non sappiamo a quale scopo, in questo scopriamo che per farlo devono rubare delle antenne paraboliche da osservatorio.

Rick è cresciuto, frequenta il liceo con Court & co, adora aggiustare macchine e odia, giustamente, il bastardo di suo zio Matt, che è stato tutto tranne che un ottimo padre. Casualmente la macchina di Pat si ferma in mezzo alla strada e Rick sta passando di lì proprio in quel momento.

Court, che si porta dietro tutti i cimeli dei super per paura che a casa la madre li trovi, vede un bagliore provenire dal borsone in cui li custodisce. La clessidra appartenuta a Hourman si illumina, così Court decide di stalkerare anche Rick. Alla fine, ovviamente riesce a farlo entrare nella nuova Justice League grazie proprio all’aiuto di Beth e ai suoi nuovi occhiali.

Nel mentre Beth, dopo aver casualmente scoperto di Court e Yolanda, va a casa della prima per parlarle ma, dato che lei è assente, va in camera sua e trova gli occhiali di Dr.Mid-Nite.

Al loro “interno” un supercomputer che le parla e le fornisce qualsiasi informazione lei gli chieda (di nuovo… ricorda qualcuno?… già).

Al di la delle apparenze questa serie mi piace, ma come dicevo all’inizio, va presa per quello che è, un DC, e una teen story.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento