Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv – Star Trek Picard – 02×10 Finale Stagione

Recensione Serie Tv – Star Trek Picard – 02×10 Finale Stagione

 

Ben trovate, mie Fenici. Farò la brava e non inserirò spoiler, anche se sarà dura.

La situazione dei nostri amici sembra grave: senza nave e privi delle risorse necessarie, sono preda dello sconforto. L’unico che sembra essersi messo l’anima in pace è il bel Chris, innamorato della sua dottoressa.

Picard pare abbia fatto i conti con il passato, dipanando il bandolo della matassa che l’aveva tenuto legato nel corso della sua vita.

La missione Europa è ancora minacciata dal professore e la figlia Kora viene chiamata in causa per schierarsi.

 

L’osservatrice deve affrontare una scelta dolorosa, ma è pronta ad affrontarne le conseguenze, lo stesso però non si può dire di Jean Luc, che in lei vede la donna di cui è innamorato.

Quando le cose sembrano andare per il peggio, i nostri eroi lottano per trovare una soluzione, che avrà lo scopo di salvare la civiltà così come la conoscono. 

Che dire, fenicette, una serie da dieci e lode! Ho adorato ogni episodio e ogni personaggio; anche i ruoli più deboli hanno, secondo me, trovato alfine una collocazione. La trama si rifà globalmente alla migliore tradizione del brand, con un lato introspettivo molto forte, dato che la storia in questione verteva proprio sul nostro buon vecchio ammiraglio.

 

Non dando anticipazioni, vi dirò comunque che il finale di stagione racchiude il seme di futuri sconvolgimenti strutturali; tanto ne abbiamo avuti pochi, direte voi, considerando gli ultimi film. In effetti del classico star Trek, ci rimane comunque poco. Sono lontani ormai gli episodi della prima serie, in cui tutto era più definito e sapevi chi era il buono e chi il cattivo. Nella nuova saga non ci sono ruoli fissi, tutto è aleatorio e transitorio. Il nemico potrebbe essere un amico da scoprire, mentre un alleato  di vecchia data si riscopre un cattivo  sopito. Tutto è vago, immerso nella nebbia degli eventi possibili. 

La struttura narrativa per me è fluida, anche se in alcuni punti mi lascia un po’ perplessa, in ogni caso ci passo sopra davanti alla totalità del messaggio. Iconiche ed epiche le ultime immagini in cui è coinvolto anche Q, un personaggio molto diverso, così intenso e umano.

Consigliata per amanti del genere e non, questa seconda stagione riserverà a molti delle piacevoli sorprese.

Vi do appuntamento alla terza, perché un uccellino mi ha detto che si farà, e vi auguro una buona visone.

Lunga Vita e Prosperità, Fenici.

A presto!

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Francesca

Lascia un Commento