Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv – Star Trek Picard – 02×07

Recensione Serie Tv – Star Trek Picard – 02×07

 

Ben trovate care Fenici. In questa settima puntata entreremo nella mente del nostro ammiraglio, bloccato da qualcosa di oscuro. Ma andiamo per gradi.

Nell’episodio precedente avevamo visto la dottoressa Jurati allontanarsi sola nella notte. La mente soggiogata dalla regina Borg non riesce a mantenere il controllo del proprio corpo cedendo il comando alla sua sgradita ospite. Nel frattempo Jean Luc è in coma e lotta per la vita. Bloccato nella sua interiorità da questioni emotive insolute, l’uomo affronta il suo passato con l’aiuto dell’osservatrice che, attraverso una fusione mentale di tipo insolito, lo raggiunge. Ciò che trova la lascia basita e diverse saranno le peripezie che dovrà affrontare la donna, trovandosi di fronte un Picard fanciullo. Nel frattempo Chris tenta di mantenere a distanza la sua benefattrice, alla quale deve l’ospitalità nello studio medico. Starà per fare un passo falso? Sette di nove e Raffi parlano della loro relazione. Cosa nascondono le due donne? Quale laceranti ferite si portano dietro? 

Un’introspezione ancora più profonda in una serie già di per sé cerebrale. In questo episodio entriamo nella psiche dei nostri eroi, soprattutto dell’ammiraglio, conoscendoli più a fondo. Verremo quindi a conoscenza di fatti e misfatti che non avremmo mai immaginato, vivendo con lui traumi e difficoltà. Nello stesso tempo conosceremo qualcosa di più anche degli altri, imparando ad apprezzarli e ad amarli. Forse per molti amanti del genere non sarà la serie sperata, ma a me piace. Ho sempre voluto approfondire determinate tematiche e trovo che gli sceneggiatori lo stiano facendo nel modo dovuto, sfruttando il tempo per dipingere un quadro più definito di personaggi e situazioni. Peccato per il poco spazio dato al giovane romulano, già dipartito all’inizio del tutto. Spero di avere l’occasione di conoscere più a fondo la sua personalità, interessante e vibrante. Per la contestualizzazione niente da eccepire; la serie è ben collocata e gli scenari costruiti con dovizia. Andrebbero invece caratterizzate con maggior precisione, forse, le personalità di Jurati e Raffi, che giocano i loro ruoli senza avere una collocazione ben precisa. Che la dottoressa e il bel capitano ci riservino ancora delle sorprese? Il bacio alla festa, anche se pilotato dalla regina Borg, non sembrava niente male.

 

Vi lascio adesso alla visione e, come al solito, aspettiamo di sapere anche la vostra opinione sull’episodio e la serie in generale. Ha soddisfatto le vostre aspettative? Vi ha deluso? Cosa pensate dei nuovi personaggi? Cosa vorreste approfondire?

Per adesso ci salutiamo, dandoci appuntamento alla prossima puntata.

Buona visione Fenici.

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Francesca

Lascia un Commento