Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Shrill – 2×01 – “Camp”

Recensione Serie Tv: Shrill – 2×01 – “Camp”

Progetto grafico a cura di Eve

Salve, Fenici!

Con questo primo episodio della seconda stagione ritroviamo Annie che scappa via dal suo troll che la minacciava online, dopo avergli rotto il finestrino della macchina. La vediamo correre verso la casa del suo fidanzato e dopo aver raccontato cosa le è accaduto decidono di passare la notte facendo campeggio. La madre della protagonista è scappata a Vancouver e il padre non ha sue notizie, così come non le ha di Annie per tutta la notte e inizia a preoccuparsi. Ma tutto si risolverà per il meglio.

Questa seconda stagione è ripartita con la botta di follia con la quale era terminata la prima. Sempre buttata sulla simpatia questa serie tv, ma con questo primo episodio, non ho riso molto. È stata tenera la scena tra Annie e il suo fidanzato nel momento in cui si confessano che effettivamente sono i primi partner ufficiali reciproci l’uno dell’altra. Tenera sì, ma non toccante, probabilmente è così perché questa serie tv tratta con leggerezza i sentimenti forti e i profondi valori.

Le follie dei personaggi dominano ogni scena, ridicolizzando totalmente la mente umana, in teoria ciò dovrebbe far ridere, ma trovo che questa volta non sono stati abbastanza comici con i gesti e le battute, anzi sembrava più un’esasperazione a causa della disperazione per mancanza di idee. Per farvi un esempio la storia della pistola buttata lì a caso, a mio parere non aveva molto senso, confermava semplicemente che il fidanzato di Annie non ci sta con la testa e che è effettivamente un tantino stupido.

Spero che nei prossimi episodi tutto questo migliori e torni perlomeno al livello della prima stagione.

Ma se avete seguito la prima stagione e siete curiosi di sapere come proseguirà, vi consiglio comunque la visione.

Buona visione!

Serena Oro

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Exorciste

Recensione Serie Tv: The Flash 6×15 “The Exorcism of Nash Wells”

Con un po’ di ritardo eccoci con la ...