Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Shadowhunters – Episodio 2×16 ” A DAY OF ATONEMENT.”

Recensione Serie Tv: Shadowhunters – Episodio 2×16 ” A DAY OF ATONEMENT.”

Dopo i catastrofici avvenimenti della puntata della scorsa settimana, in questa vediamo tutti gli Shadowhunters cercare di rimediare. Come prima cosa tutti sono alla ricerca di Valentine, scomparso durante il passaggio attraverso un portale.

Il padre di Clary è stato catturato dal ‘falso’ Sebastian, che gli ha rivelato di essere in realtà suo figlio biologico: Jonathan.

L’unico ad avere una pista sembra essere Jace, che cerca l’aiuto di Clary, ancora scossa per gli avvenimenti accaduti alla corte dei Seelie. Con il suo nuovo potere la ragazza creerà un portale dal nulla grazie ad una runa e si teletrasportarà con il signorino Herondale ad Idris. I due si ‘risvegliano’ nelle acque del lago che sono allucinogene e Clary ne rimarrà vittima.

A salvarla arriveranno però sia Jace, che a sua volta scoprirà di poter utilizzare i propri poteri anche sulle rune degli altri, sia Izzy.

Nel frattempo, Simon, in compagnia di Maya, farà visita alla sua famiglia, che apprezzerà la ragazza in modo incredibile.

All’istituto fa il suo rientro Robert Lightwood che, insieme al figlio Alec, cercherà di non creare ulteriori disordini tra gli Shadowhunters.

Nel corso della settimana si è parlato molto di questa puntata, diretta da Paul Wesley (Stefan in The Vampire Diaries) che direi ha fatto un ottimo lavoro.

In questa puntata non è successo nulla di particolare, l’unica cosa a mio avviso un po’ più rilevante è lo scontro tra Sebastian/Jonathan, non so più come chiamarlo, e Valentine. Si scopre molto sull’aspetto del ragazzo, sul perché non sia comparso prima d’ora e direi che sono le informazioni che fanno sì che la situazione diventi più interessante. Senza contare che nel concludersi della puntata vediamo Jace alle prese con i diari di Valentine e la scoperta che di Jonathan Cristopher ce n’erano due. Ovvero quelli che noi conosciamo come Jace e Sebastian. Due bambini con lo stesso nome, entrambi vittime degli esperimenti di Valentine a cui veniva iniettato o sangue demoniaco o sangue angelico. 

Questa è stata anche una puntata senza nascosti, Magnus e Luke non compaiono neanche per sbaglio, sigh.

L’affinità e la tensione della coppia Clace, anche in questo episodio, è percepibile dal pubblico ancora una volta. Ma visti i promo non durerà al lungo.

Detto sinceramente non so bene come definirla questa puntata, ho apprezzato molte scene, come quelle tra Jace e Clary, ma molte delle scene riguardanti Alec rendono le caratteristiche del personaggio ancora più magiche. Sostanzialmente però, io la definirei come una di quelle puntate ‘intermedie’, ovvero, servono al pubblico per far comprendere alcuni elementi, soprattutto se non si sono letti i libri, come per esempio il destino del figlio di Valentine.

Ora, aldilà dei promo, la puntata della prossima volta dovrebbe essere più ricca e più sviluppata. Non ci resta che continuare a fare miliardi di ipotesi fino ad allora.

Recensione a cura di

Editing a cura di

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS