Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Shadowhunters – Episodio 2×15 “A PROBLEM OF MEMORY.”

Recensione Serie Tv: Shadowhunters – Episodio 2×15 “A PROBLEM OF MEMORY.”

Dopo l’avventura nel mondo fatato della scorsa puntata, in questa si torna all’istituto dove Alec sta organizzando lo spostamento di Valentine.

Al tempo stesso, il giovane shadowhunters si accorge che qualcosa non va nel suo compagno Magnus, il quale non dorme da diversi giorni ed è sovrappensiero.

Nel frattempo Clary insegue Simon nella vana speranza che la possa perdonare dopo il bacio scambiato con Jace. Ma il vampiro, non ne vuole sapere e in una notte di follia in cui si è lasciato trasportare, si imbatte in un omicidio, che pensa abbia commesso lui stesso.

All’istituto arriva un nuovo volto, quello di Aline, cugina di Sebastian. Successivamente al suo arrivo viene svelata la verità sull’uomo rinchiuso nell’armadio dal londinese. Ebbene, nell’armadio c’è il vero Sebastian.

Per intenderci, colui che se ne va a zonzo per le strutture degli shadowhunter e dice di chiamarsi Sebastian, in realtà è il figlio di Valentine, quello che chiamavano Jonathan e che si credeva fosse Jace.

In tutto questo ingarbuglio di identità, Alec riesce a convincere Magnus ad aprirsi e questo scambio di confidenze termina in un bellissimo e commovente momento tra i due, coronato con un abbraccio. Sul finire della puntata, quando Valentine deve essere trasportato altrove, qualcosa va storto e invece di comparire nel luogo predestinato, grazie a Douncan (un altro shadowhunters) viene trasportato altrove. In questo luogo ad attenderlo c’è il falso Sebastian, chiamiamolo così, che accoltella il ragazzo che l’ha aiutato e si presenta a Valentine, mostrando il suo vero aspetto.

Detto in tutta sincerità, credevo che questo gioco di identità fosse finito. Okay, mi sono subita tutte le stagioni di Pretty Little Liars, e quindi dovrei essere abituata, ma ogni tanto mi gira ancora la testa in certe situazioni.

Veniamo subito al dunque di questa puntata, che gira tutta sulla vera identità di Sebastian. Quelli che hanno letto i libri sapevano benissimo chi lui fosse. Ma il modo in cui hanno riprodotto il tutto e introdotto il personaggio, sia per il vero Sebastian che per il falso, a me è piaciuto davvero molto. Ti lascia quella sensazione di inaspettato che ti invoglia ancora di più a guardare il telefilm.

Ora, avendo scoperto questo, ogni telespettatore si domanderà quando gli altri personaggi lo scopriranno e soprattutto quali saranno le conseguenze. Ricordo che quando Sebastian compare davanti a Valentine e gli dice di essere suo figlio, mostrandosi per quello che è…non ci sono modi carini per descriverlo, le sue sembianze sembrano in tutto e per tutto quelle di un demone, ricoperto di sangue aggiungerei. Che sia la conseguenza del fatto che il padre l’abbia lasciato bruciare quando era bambino?!

Oltre a questo, uno dei momenti più emozionanti e toccanti è quello del ricordo di Magnus. Non lo dico solo come sostenitrice della coppia Malec, ma perché amo tantissimo quando gli attori hanno un talento straordinario ed è visibile, nel modo in cui fanno provare emozioni forti al pubblico. Io prima di tutti, nonostante lo abbia detto più volte, ho la lacrima facile, mi sono quasi commossa a tal punto che stavo per piangere. Il ricordo della morte della madre e del patrigno di Magnus hanno segnato lo stregone in modo tale che ora, nonostante siano passati secoli, riescono a distruggerlo. Ed è stato bello vedere Alec, non solo mezzo nudo, ma anche pronto a rimettere insieme quelli che sono i pezzi del cuore del proprio compagno. 

Un altro momento che secondo me è da mettere tra i primi tre in classifica è quello in cui Simon affronta Quinn e lo uccide. In questa puntata, ancora una volta, abbiamo visto la fragilità di Simon. Un vampiro dal cuore spezzato che vorrebbe solo dimenticare quello che è successo, lo vediamo persino chiedere aiuto a Raphael quando crede di aver ucciso una ragazza innocente. Per fortuna la situazione dimostrerà che l’assassino non è Simon, ma un altro vampiro: Quinn. I due si scontrano in un locale e qui direi che finalmente Simon ha tirato fuori le cosiddette balls e gli ha dato quel che si merita.

Restando sempre sul tema Simon, lo vediamo prendere le distanze da Clary nel concludersi della puntata, ora non resta che vedere cosa succederà.

Recensione a cura di 

Editing a cura di 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS