Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Seal Team – Prima Stagione

Recensione Serie Tv: Seal Team – Prima Stagione

Progetto Grafico a cura di SweetFire

Quest’estate è andata in onda  su Rai 2 “Seal Team”, una nuova serie con David Boreanaz.

In questa serie lui è a capo di un gruppo di sei soldati appartenenti ai Seal, il Team Bravo. La squadra gira il mondo per salvare persone, per annientare gruppi terroristici, recuperare oggetti o ovunque ci sia bisogno di loro.

Ho iniziato a vedere questa serie perché David, bravissimo attore, è uno dei protagonisti. In altri telefilm è sempre stato un interprete molto valido e credibile, e in questo caso, nella parte del militare è perfetto.

La serie si divide sostanzialmente in due parti: la prima, dove oltre alle normali missioni affidate, la serie è concentrata anche sulle vite personali degli uomini: nuovi nati, separazioni e nuovi amori….

Inoltre, vedremo la formazione di nuove reclute, sottoposte a prove durissime, non solo  per testare la resistenza fisica ma, soprattutto, quella emotiva.

La seconda parte è più concentrata sulla vita militare e su trovare i responsabili dell’omicidio di un’ altra squadra di Seal, il Team Echo.

È una serie di azione, di unione, e ci  fa vedere come i soldati tra loro si danno forza per affrontare le tragedie che incontrano quotidianamente sul loro cammino. Sono più di semplici colleghi o amici, sono una vera e propria famiglia.

Una famiglia che anche se non di sangue … è reale.

Ci insegna anche che chi si arruola nell’esercito, lo fa per dedizione e amore verso il proprio Paese … e sono disposti a correre qualunque sacrificio, anche la morte.

Hanno degli ideali e  per loro ogni missione ha un unico obiettivo: non fallire.

Molte volte quando tornano dalle famiglie, in realtà, sono ancora aggrappati ai ricordi delle missioni appena compiute; dove, hanno rischiato di morire o hanno perso un loro compagno. Ritornare alla vita di tutti i giorni non è mai facile per loro, soprattutto inserirsi nuovamente nel nucleo familiare, dopo magari mesi e mesi di assenza.

Menzione d’onore, va per me, assolutamente, ad un importante membro del team: il cane che accompagna i nostri soldati in tutte le missioni, andando in avanscoperta, rischiando per primo la sua vita per salvare i suoi compagni umani da eventuali pericoli!!!

In America la seconda stagione inizierà a ottobre; spero continui ad essere così interessante, con episodi singoli, anche se c’è comunque in sottofondo una storia con un filo conduttore.

Nonostante tante loro operazioni siano sul campo non è una serie violenta; non ci sono scene cruenti, le scene di combattimento sono affrontate in modo abbastanza soft.

Sinceramente penso che questa serie meritasse una collocazione migliore nel palinsesto RAI, non in tarda serata. Spero, infatti, che la prossima stagione venga trasmessa in un orario più consono per dare la possibilità a più persone di scoprire questa serie, che secondo me, almeno per il momento, va assolutamente vista!

Alla prossima!

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

StaffRFS