Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV: Recensione Serie Tv : Once Upon a Time – Episodio 7×03-Heart Attack

Recensione serie TV: Recensione Serie Tv : Once Upon a Time – Episodio 7×03-Heart Attack

In questo episodio si comincia a ridiscendere una china pericolosa di puntate inutili piene di buoni sentimenti a cui gli autori ci hanno ormai abituato.

Nel passato, Cinderella viene attaccata da una guardia che la insegue per l’assassinio del principe, ma viene salvata da una nuova amica, la principessa Tiana. Entrambe salgono sulla moto, indossando enormi gonne che potrebbero essere definite “carico sporgente”.

Tiana porta Cinderella al campo dove lei e la “resistenza” stanno progettando un piano per sconfiggere Lady Tremaine. A sorpresa, anche Henry si presenta lì con Regina e Hook.

Nel bel mezzo della notte Cenerentola, spinta da un disegno riprodotto su una scatola decorata che i soldati di Tremaine stavano trasportando, scappa per scoprire cosa sia, e Lady Tremaine è felice di mostrargliela. La scatola è una bara e dentro di essa non c’è la bella addormentata ma Anastasia, la figlia maggiore di Lady Tremaine. Quest’ultima è riuscita a conservare la figlia morente con un ultimo respiro ancora dentro di lei e tutto quello che ha bisogno per riportarla in vita è il cuore di un “vero credente“, cioè di Henry.

La donna costringe quindi Cenerentola a portargli il cuore. Cenerentola torna nel campo e sta per prendere il cuore di un anziano che era stato precedentemente soprannominato un “vero credente”, ma Regina si presenta per fermarla. Regina dice che Cinderella prima di tutto deve perdonare se stessa, per qualsiasi ruolo che abbia svolto nella morte di Anastasia.

La vicenda nel passato in sé non è male, ma di puntate con personaggi tentati dal male che si ribellano all’ultimo ormai ne hanno fatte a dozzine e sappiamo bene che anche Lady Tremaine è mossa dall’amore filiale, come il 90% dei cattivi di Once. Speriamo non si redima anche lei con la forza della figliolanza.

presente, Jacinda fa sua un’idea di Roni per combattere la demolizione del giardino della comunità: far firmare a tutti gli abitanti di Hyperion Heights una petizione contro il piano edilizio di Victoria Belfrey. Victoria però le offre un accordo: le regalerà un intero condominio se brucerà la petizione.

Jacinda all’inizio, con grande delusione di Lucy, accetta ma, dopo qualche discorso motivazionale di Roni, decide di tornare a raccogliere firme. Evviva, il giardino è salvo. Ma era meglio tenersi il condominio.

Separatamente, Lucy conduce Henry in una caverna sotto il giardino, pensando che l’interesse di Victoria per quei quattro fili d’erba sia collegato a qualcosa di magico. Tutto ciò che trovano però è un inutile pezzo di vetro, che potrebbe benissimo essere una bottiglietta vuota di Ceres, ma che lei sostiene appartenga alla scarpetta di Cenerentola.

Nel frattempo, Hook ciurla nel manico con un inutile subplot: tenta di inchiodare l’urbanista che Victoria ha corrotto. Rumple rilascia il tizio, ma poi assicura Hook che lo ha fatto in modo che l’urbanista diventi la loro talpa. Che ci importa?

L’episodio si chiude con l’unico momento interessante della puntata. Victoria ha una donna legata nella sua tana sotterranea, ma sembra aver paura di lei. Chi sarà mai? Madre Gothel? La figlia di Hook? Un’assistente sociale che vuole porre fine allo scempio della povera Lucy? Lo scopriremo nei prossimi episodi.

Qui potete trovare la lista degli episodi precedenti con le relative recensioni

2

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS