Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Prodigal son – 1×12 – “Internal Affairs”

Recensione Serie Tv: Prodigal son – 1×12 – “Internal Affairs”

Prodigal

Progetto grafico a cura di Eve

Recensione con spoiler

Puntata straordinaria, speciale, con una struttura articolata, costituita da un complesso incastro di scatole cinesi di flashback e spot degli altri personaggi.

Tutto inizia da un black out apparentemente causato da Malcom dopo un litigio con Gil al dipartimento.

Dopo 12 ore dall’incidente, il nostro eroe, ancora reduce dalle torture di John lo sfasciacarrozze, viene interrogato dal Dottor Simon Coppenrath degli affari interni, uno psichiatra che dovrà stabilire se Malcom abbia le facoltà mentali per continuare a svolgere la sua attività come consulente del NYPD.

Il cardine su cui ruota tutto l’interrogatorio è l’ultimo caso di cui si è occupata la squadra in cui Malcom si è auto-invitato, che riguarda la morte per soffocamento di un ragazzo, Tristan Johnston, all’apparenza scappato dal Vosler Istitute, un’organizzazione che ha sviluppato un programma terapeutico in grado di rimuovere gli effetti deleteri dello stress post traumatico.

Sulle tempie di Tristan, la buffa anatomopatologa Edrisa ha trovato degli strani segni di bruciature e Malcom scopre che alla Vosler praticano l’elettroshock senza sedazione né assistenza medica competente e soprattutto scopre che l’FBI ha ragione nel sospettare che siano, o meglio, si comportino come una setta.

Come lo scopre? Beh, lascia che lo pratichino su di lui. Il motivo è semplice, dopo le torture e la scioccante rivelazione che suo padre voleva ucciderlo, Martin è perseguitato da delle allucinazioni dove vede se stesso decenne cadavere.

Al suo risveglio dopo l’elettroshock trova al suo fianco Andi, la ragazza che lo ha accolto al suo arrivo nella setta. All’apparenza sembra un personaggio secondario, ma non fatevi ingannare.

Malcom convince Andi a fuggire con lui e sottrae la macchina come prova, ma nel parcheggio qualcuno rapisce la ragazza.

Qui entrano in scena i “Deprogrammatori”, figure conosciute negli States. Sono coloro che per professione vengono ingaggiati dalle famiglie, di solito facoltose, per rapire gli adepti delle sette che dopo un periodo di “disintossicazione e riabilitazione” vengono restituiti alle famiglie d’origine.

Per oggi di più non vi dirò altrimenti vi rovinerei il perfetto incastro di cui vi parlavo all’inizio, ma vi assicuro che se vi piacciono i rompicapo questa puntata vi regalerà molte soddisfazioni.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Serena Oro

Serena Oro
Lilian Gold

Lascia un Commento