Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Outlander 4×03 – The False Bride

Recensione Serie Tv: Outlander 4×03 – The False Bride

The False Bride

 

E siamo arrivati al terzo episodio di questa nuova stagione…

Dopo gli ultimi eventi a River Run, Jamie e Claire decidono di partire alla ricerca della loro strada, non manca la predica da parte della zia Jocasta, e razionalmente non mi sento di darle torto. Dopo aver salutato il nipote, con tanto di supplica per fargli cambiare idea, arriva il momento di accomiatarsi da Claire, nostra donna del futuro; la zia fa notare a Claire che sta egoisticamente togliendo a Jamie quello che gli spetta per diritto di nascita, anche se cieca capisce benissimo che i due si amano, come capisce che il nipote è disposto a tutto per la sua donna, ma la zia, per quanto generosa non conosce i nostri sfortunati amanti e non è in grado di capire tutte le loro motivazioni più profonde.

In realtà fatico anche io a condividere la sua idea: per quanto la schiavitù sia una pagina orribile della storia è comunque esistita e Claire ne è a conoscenza, capisco l’indignazione, comprendo anche il rifiuto che possa esserci da parte di una donna del ventesimo secolo, ma scappare e far finta di non sapere non può cambiare la storia.

I due decidono di andare verso ovest, per raggiungere un villaggio abitato per lo più da scozzesi, sembra che anche il giovane Ian sia riuscito a convincere lo zio a restare con loro.

Durante il viaggio con tanto di asinello e viveri, vengono scortati da John Quincy Myers, non è ben chiara la sua storia, ma si intuisce che abbia avuto o che abbia una storia con una donna indigena. Ad un certo punto il gruppo si divide e Jamie e Claire continuano da soli, tra una chiacchiera e un’altra e i dubbi di Claire sul fatto che la zia Jocasta potesse avere ragione, scoppia un temporale e l’asinello spaventato taglia la corda, letteralmente, la nostra intrepida Claire non perde tempo sale a cavallo e lo insegue, ad un certo punto realizza di essersi persa, proprio in quell’istante un fulmine colpisce un albero mandandolo in fiamme, il cavallo spaventato la disarciona.

Mentre la tempesta è ormai giunta la donna si rifugia sotto un ramo e toglie gli stivaletti bagnati, voi direte e che ci importa? Importa, ora ve lo spiego…

Mentre è lì, evidentemente spaventata, trova un teschio umano e una specie di pietra, poco dopo appare uno strano figuro, sembra essere un indiano è stranissimo, appare e scompare. Solo dopo un po’ capiamo che si tratta dello spirito dell’uomo a cui apparteneva il teschio, quando si gira per allontanarsi si evince chiaramente che “gli hanno fatto lo scalpo”.

La notte passa, così come la tempesta, ma al suo risveglio Claire non trova più gli stivaletti, dopo un primo momento di smarrimento, nota delle impronte nel terreno, le segue e scopre, sorpresa che Jamie la sta aspettando proprio con le sue calzature, confrontandosi entrambi raccontano la stessa storia, cioè di aver seguito le impronte lasciate sul terreno. Claire racconta del suo incontro con lo spirito ed è sicura che sia per merito suo che si sono ritrovati, Jamie le crede immediatamente e ringrazia.

The False Bride

Mentre cerca di pulire il teschio Claire si accorge che i denti sono stati curati con l’argento, cosa che avverrà solo dopo 100 anni e la domanda sorge spontanea, chi era quell’uomo che come lei aveva attraversato i veli del tempo?

Puntata in parallelo, finalmente ritroviamo Roger e Brianna nel 1970, i due si stanno recando proprio nel North Carolina per seguire un festival sui vecchi clan scozzesi, Roger deve suonare e lei lo accompagna.

Tutto molto bello, gli stand, i balli, la musica e l’intesa tra i due ragazzi sembra andare a gonfie vele fino al momento di congedarsi. Brianna lo invita nella sua stanza e molto esplicitamente gli fa capire che vuole passare la notte con lui, in un primo momento Roger ricambia le avance della ragazza, il che mi pare normale visto che flirtavano da tutto il giorno, ma come sempre in Outlander niente è mai come sembra e boom! Il tenero, dolce Roger, quello che aveva aiutato Claire a tornare nel passato, una persona con un bagaglio culturale notevole, si rivela essere il peggior bigotto sulla terra, la scena mi ha decisamente spiazzata e nello stesso tempo divertita: lui si tira indietro perché a suo dire, le cose vanno fatte perbene e vuole che tutto sia perfetto, e lì ho pensato, che tenero! E invece no!

Il suo fare le cose perbene consiste in una proposta di matrimonio, immaginate lo sbigottimento di quella ragazza che tutto si aspettava tranne questa cosa.

Inutili i tentativi di Brianna di spiegargli che non è pronta a un passo del genere, lui travisa tutto e la situazione diventa esilarante, il succo è questo: lui può e ha fatto sesso precedentemente e la cosa andava bene perché non le amava, ma siccome di lei è innamorato e soprattutto lei è vergine, la ragazza è da sposare! Non ci siamo!! Si parla del 1970 non del 1800, neppure Jamie nel 1700 era così retrogrado, ora non so come andassero le cose, perché non esistevo ancora, ma stiamo parlando di meno di 50 anni fa, non mi capacito. Morale: lui se ne va arrabbiato.

La sera dopo è quella del falò, l’ho trovata una rievocazione molto suggestiva, davanti a un cervo di legno ogni rappresentante del proprio clan si reca ai piedi di questa “costruzione” gridando la sua presenza, arrivato il suo momento Roger si rende conto che Brianna se n’è andata.

Ennesima puntata fiacca, molto meno della precedente, ma ancora non ritrovo la serie che mi ha fatto sognare, piangere e ridere, ora so che non sarete d’accordo con me, però io non riconosco più i personaggi che amavo, Jamie e Claire non hanno più la complicità di una volta, o per lo meno io non la vedo, trovo tutte queste situazioni al limite del paradossale, ma continuo ad essere fiduciosa, sono sicura che la svolta arriverà a breve.

Torniamo un attimo nel 1700 dove Jamie e Claire accidentalmente trovano il posto ideale dove costruire la loro casa e Jamie ha già in mente il nome per questo luogo: sarà “Fraser’s Ridge”.

Qui concludo e come sempre, ciao Sassenachs …. Alla prossima!

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS