Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie TV: Outlander 3×09 The Doldrums

Recensione Serie TV: Outlander 3×09 The Doldrums

 

Salve Sassenachs!! Ecco una nuova recensione di Outlander tutta per voi.

Dopo le notizie sconvolgenti e il rapimento di Ian entrambi nello scorso episodio, Jamie e Claire si organizzano per ritrovarlo. Decidono, con l’aiuto cugino di Jamie, Jared Frasser, di seguire la nave che ha rapito il giovane in Giamaica. Grazie a Jared i coniugi Frasser riescono a imbarcarsi sull’Artemis.

Jamie come commissario di bordo e Claire come medico. Oltre a loro troviamo Mr. Willoughby, alcuni ex detenuti di Asdmuir, Fergus e la neo moglie Marshali.

Marshali è la primogenita di quella str… ehm… brava donna di Laoghere McKenzie McKinney-Fasser e odia Claire. Non la biasimo per questo. Dopotutto, Claire è una sconosciuta piombata nella sua vita dal nulla, che ha portato i suoi genitori al divorzio. Tuttavia non mi è molto simpatica. Mi sembra che abbia deciso di sposare Fergus solo per capriccio, ma forse questa è solo una mia impressione. Vedremo

Oltre alla faccenda del matrimonio di Marshali e Fergus, al quale Jamie è contrario (qui lo vediamo comportarsi da padre, finalmente. Non vedo l’ora che conosca Roger!), apprendiamo anche alcune curiose superstizioni dei marinai.

Chiunque abbia visto Pirati dei Caraibi sa che le donne non sono ben accette sulle navi. Non sapevo però che anche le persone dai capelli rossi portassero iella, e che bisognasse toccare il ferro di cavallo, prima di partire, come buon auspicio.

I marinai sono strani!

Infatti, quando il vento cessa e L’Artemis rimane in bonaccia, tra la ciurma inizia a circolare la voce che a bordo ci sia un “Jonah”, qualcuno che non ha toccato il ferro di cavallo.

Jonah, secondo loro, è l’uomo in grado di attirare la maledizione di Dio sulla nave. C’è un libro nella Bibbia, il Libro di Giona appunto, da cui nasce questa superstizione marinaresca. Un giorno il mare era in tempesta, e secondo il passo biblico i marinai impauriti interrogarono Giona sul perché, a differenza loro, fosse così calmo.

Egli rispose: ‘Io sono Ebreo e venne il Signore Dio del cielo, il quale ha fatto il mare e la terra’. Loro decidono di disfarsi di lui, su invito dello stesso Giona, che si assume la colpa.

Prendetemi e gettatemi in mare e si calmerà. Il mare che ora è contro di voi, perché io so che questa grande tempesta vi ha colto per causa mia’. Quelli presero Giona e lo gettarono in mare, e il mare placò la sua furia.

Torniamo all’episodio. I marinai puntano il dito su uno degli uomini di Jamie. Il poveretto dovrà essere gettato in mare per poter proseguire il viaggio.

Jamie decide di salvare il suo amico, ma gli uomini decidono di voler comunque un Jonah da condannare.

Recensione a cura di:

Editing a cura di:

 

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS