Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: New Amsterdam – 2×16 – “Perspectives”

Recensione Serie Tv: New Amsterdam – 2×16 – “Perspectives”

New Amsterdam 1

Progetto grafico a cura di Eve

Recensione con spoiler

Bentornati Fenici! Per il sedicesimo episodio della serie “Gli Americani sono pazzi”, parliamo di come traumatizzare i giovani: organizzare simulazioni iperrealistiche delle tristemente famose sparatorie a scuola, per preparare gli studenti ad affrontare una situazione di emergenza.

Peccato che i ragazzi credano sia tutto vero, e solo alla fine dell’esercitazione viene rivelato loro che le armi sono finte.

I genitori di Danica si rivolgono a Iggy perchè la bambina non vuole più andare a scuola. Dopo un breve colloquio il terapista scopre che è stata vittima di un attacco armato a scuola, ma quando affronta i parenti per non averlo avvisato, questi cadono dalle nuvole. Nemmeno le famiglie erano state informate dell’esercitazione e il dottor Frome si rivolge direttamente alla direttrice dell’istituto, avvertendola che anche la finzione può avere conseguenze sulla psiche dei giovani alunni. Durante un’assemblea improvvisata, lo psicoterapeuta si trova accerchiato da ragazzini spaventati.

Intanto, l’ospedale viene denunciato per la morte di un paziente e spetta alla fidanzata pallosa di Floyd convocare lui, Lauren e Max per le deposizioni preliminari. I tre sono in buona fede, non ci sono stati errori, ma “sono pessimi testimoni” e l’avvocato suggerisce di fare un accordo, perchè non potrebbero mai convincere una giuria.

E se già non mi piaceva prima, dopo questa mi è scesa al livello della dottoressa  Superstronza.

Passando proprio alla Castro, Hellen decide di sabotare il suo trial clinico, ma quando sembra stia per scoppiare una vera guerra aperta tra le due, le riconosce la guarigione di Max e le sue indiscutibili capacità. Non la denuncia per non far perdere sovvenzioni all’ospedale, ma le impone le dimissioni.

Infine Max. Che dire di lui? A inizio episodio sembra aver trovato finalmente pace, fa l’amore con Alice e i due sembrano felici, ma poi si trova vicino a Hellen e si vede che i due stanno per baciarsi. Già dalla prima stagione avevano questa chimica speciale che affossava la povera Georgia e sono felice di vedere che non è stata eliminata.

Credo che lui e Alice non siano innamorati, sono solo necessari l’uno all’altra per superare il trauma della morte dei loro coniugi e la consapevolezza di dover crescere da soli le loro bambine; un modo per spronarsi reciprocamente ad andare avanti.

Un episodio leggermente sottotono, rispetto a quanto siamo abituati. L’argomento delle sparatorie nelle scuole, accennato così alla lontana, senza il minimo approfondimento, mi è sembrata quasi una leggerezza da parte di una serie che ha sempre dedicato tempo e risorse ai vari temi sociali.

Sì, Vijay che si sforza di affrontare la sua superstizione per il bene di Ella è stupendo, ma si perde quando pensiamo che l’uomo morto durante l’intervento praticato da Floyd era un suprematista bianco. Il contrasto tra il medico afroamericano e il paziente razzista non meritava uno spazio più ampio?

 

Pare di no, per questo devo a malincuore bocciare questa puntata. Non perchè sia stata brutta, ma perchè ha abbassato gli standard di una serie eccellente.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

StaffRFS

Lascia un Commento