Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Motherland: Fort Salem – 1×07 – “Mother Mycelium”

Recensione Serie Tv: Motherland: Fort Salem – 1×07 – “Mother Mycelium”

Motherland

Progetto grafico a cura di Francesca Poggi

Care Fenici, tra gioie del pene e tragedie greche finalmente un episodio equilibrato, sempre che si possa parlare di equilibrio quando c’è in gioco la magia.

Innanzitutto mi scuso con voi per non avervi parlato dei due visitatori orientali arrivati nel precedente episodio, ma veramente non avrei saputo come introdurli, mentre adesso sì. I loro nomi sono Adil e Khalida, rispettivamente fratello maggiore e sorellina, portatori di magie antiche e rare. Entrambi vivono in paesi sotto attacco e sono perennemente in fuga, ma non usano i loro poteri per uccidere, né hanno una visione ristretta come quella dei militari. Per loro tutta la magia ha un prezzo, a differenza delle soldatesse di Sarah Alder che la usano per proteggere i civili e non tengono in considerazione gli effetti collaterali ossia cataclismi, malattie ecc. Sta di fatto che Aldi è venuto a Fort Salem come ultima speranza per salvare la sorella, deturpata da un’insidiosa malattia che ha attaccato più parti del suo corpo, di origine sicuramente magica, simile a un fungo, apparentemente incurabile. O meglio, il personale medico non ci riesce ma non hanno fatto i conti con Raella. Difatti tra Aldi e Abigail, stranamente, sorge un’amicizia e da lì viene richiesto l’aiuto della strega che effettivamente salva la ragazzina.

Tuttavia, una parte del morbo non viene assorbita da Raella ma si propaga nella foresta. Sarà un bene o determinerà un nuovo attacco dello Spree? Bella domanda!

Come ringraziamento, Aldi mostra ad Abigail una parte dei suoi poteri, e magari le avrebbe anche insegnato qualche trucco se la ragazza non avesse tirato fuori il discorso esercito. Mai che impari a stare zitta quella!

I problemi sentimentali non si fermano qui, dato che i ragazzi stregoni tornano nuovamente a Fort Salem e quindi nuovo incontro tra Gerit e Tally, che dopo aver deciso di essere solo amici passano a ispezionarsi la bocca. Della serie #amicistocazzo! Per non parlare del duo Scylla/ Raella.

Scylla è incatenata nei sotterranei e malgrado le torture non parla, quindi per indurla a cedere le portano Raella. Straziante incontro, e devo dire che, malgrado la mia vena sadica, con il gioco The Sims mai avrei fatto una cosa simile. Ovviamente Scylla cede e Anacostia riesce a entrare nella sua mente, carpendo uno dei ritrovi dello Spree.

Non penso, comunque, sia stata un’idea intelligente perché Raella ha un potenziale eccezionale, visto sia con la guarigione di Khalida sia in addestramento, e se è in preda alle emozioni altro che Spree! Ora la ragazza sa che la sua amata è viva ma non è a conoscenza della verità.

Viene allontanata dal Forte, con la sua unità, per affrontare la prova finale per diventare una vera soldatessa, cosa succederà? Oh, ne vedremo sicuramente delle belle.

Intanto sullo stile di tutti insieme appassionatamente, Sarah Alder chiede a Khalida di insegnarle le sue rare magie, ma non supera la prova della ragazzina! Come se non bastasse, il Consiglio dell’Aia dà segni di scontento e si vocifera l’intenzione di sciogliere il patto. Cosa si inventerà la generalessa per mantenere l’ordine e combattere lo Spree? E soprattutto cosa vogliono i nemici da Raella? Spero di scoprirlo presto!

 

DarkSide

DarkSide

Lascia un Commento