Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie TV: Legacies -2×14-“There’s a Place Where the Lost Things Go”

Recensione serie TV: Legacies -2×14-“There’s a Place Where the Lost Things Go”

Legacies seconda stagione

Ben trovate mie Fenici. Finalmente siamo di nuovo qui, per sapere come si evolvono gli eventi legati alle ultime avventure/disavventure degli studenti della Salvatore.

Per aiutare i ragazzi ad affrontare i risvolti emotivi, derivati dai fatti intercorsi negli episodi precedenti, Emma propone di fare una seduta catartica, che porta i nostri amici all’interno di un film noir in bianco e nero. In questa situazione, hanno la possibilità d’interpretare dei ruoli differenti dalla loro vita reale, che li depurerà dalle abituali nevrosi quotidiane. La cosa infatti funziona alla stregua di un gioco di ruolo, con situazioni da risolvere ed eventuali penalità. Lo scopo, quello di portare alla luce le nevrosi latenti, per risolverle definitivamente. Una serie di omicidi affliggono la super squadra e qualcuno di loro deve risolvere il caso. Le nostre gemelle sono un’attrice e la sua manager, mentre Hope è la barista affascinante e riservata, ma chi c’è dietro questi omicidi? Per uscire dal gioco vengono usate delle parole chiave, solo che a un certo punto, i nostri eroi, si accorgono che la tecnica non funziona, trovandosi bloccati nel mondo in bianco e nero dei loro sogni.

Solo una Lizzie molto determinata, unita all’intuizione di una bella e tenebrosa Hope, riusciranno a illuminare le menti degli altri, tirandoli fuori d’impaccio. Purtroppo la vicenda metterà in risalto una problematica tristemente irrisolta; Josie, che si credeva fuori pericolo, è ancora satura di magia nera e, dietro ai loro problemi, purtroppo c’è proprio lei. Vi lascio solo immaginare gli eventi derivanti da tutto ciò. Intuizioni, flashback, colpi di scena e strazianti addii, fanno di questo inusuale episodio una chicca degna di nota.

Sono rimasta molto colpita dall’idea di traslare le vicende dei ragazzi in un film in bianco e nero. Trovo che le tematiche noir si addicano notevolmente alle loro casistiche. Molto ben congegnato, il dramma del rapporto delle gemelle, all’interno della trama. Landon è stato il grande assente, presente con lo spirito ma non nelle scene. In questo episodio viene lasciata in sospeso la possibilità che ci sia ancora qualcosa tra Raf e Hope. Perché questo? Non vorrei addentrarmi troppo nei meandri degli eventi, vi leverei così il grande piacere di scoprire il resto della trama. Vi dico soltanto che la nostra Hope, uscendo da questa situazione, penserà seriamente di non avere un futuro certo con il suo grande amore. Comunque il Necromante ci fa l’occhiolino anche qui, facendo capire di avere una sua parte in tutto questo pasticcio. In ultimo, ho sentito molto la mancanza del bel vampiro, chissà che non decidano di riesumarlo.

Quindi solo commenti positivi per questo episodio e ribadisco di nuovo quello che ho già detto in precedenza: l’oscurità dona veramente tanto a Josie, la riveste come una cappa di velluto e di rose.

Ora vi lascio alla visione di cotanta beltà. Approfittiamo di questo pit stop forzato e non perdiamo l’occasione di deliziarci con le vicessitudini della nostra scuola preferita.

A presto care Fenici e mi raccomando, restate a casa!

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Fulvia Elia

Fulvia Elia

Lascia un Commento