Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: Legacies 2×03 – “You Remind Me of Someone I Used to Know”

Recensione Serie Tv: Legacies 2×03 – “You Remind Me of Someone I Used to Know”

Remind

Recensione con spoiler

Buongiorno, care Fenici!

Anche quest’anno, la scuola Salvatore è in fermento per la tradizionale partita di football contro la Mystic Falls High. Al contrario degli eventi passati, il nuovo preside non accetterà di tenere sottotono i suoi studenti, anzi, li spronerà a tirare fuori gli artigli e i denti, figurati e non, per conquistare una vittoria già da troppo tempo loro negata.

Nel frattempo, un ragazzo è scomparso e lo sceriffo locale è impegnato nelle ricerche. O forse dovrei dire “impegnata”: la nostra “sceriffa”, viene affiancata nella cosa dal preside della Mystic Falls, che, insieme a Hope, cerca di capire quanto di soprannaturale sia implicato nella cosa. Il mostro in causa, si scoprirà essere una specie di cacciatore di lupi mannari.

Fuori, nella foresta, ancora in forma di lupo, Raf è in serio pericolo e, partita a parte, Hope e Landon si troveranno ancora a collaborare per riportarlo indietro. Anche non ricordando niente di lei, Landon si fida istintivamente della ragazza e quando lei gli dice di essere l’unica a poter riportare indietro il suo amico, si lascia guidare dalla ragazza.

La partita è combattuta. Il nuovo preside della Salvatore spingerà i suoi studenti a usare i loro doni, vincendo cosi il primo tempo. Spariti Hope e Landon, impegnati nella ricerca di Raf e del nuovo mostro, entreranno in campo due nuovi quarterback, uno dei quali è Lizzie.

Nel frattempo, il misterioso Sebastian si fa avanti. Lizzie lo vede e, per seguirlo, molla la partita. Trovatasi senza giocatori validi, Josie va nel panico, usando in modo sconsiderato i suoi poteri.

Intanto MG, che aveva aiutato Lizzi nel perseguire i suoi intenti, la segue per paura che le accada qualcosa. La vedrà in un luogo appartato, che amoreggia con qualcuno inesistente.

La situazione degenera. Salazar non può restare a guardare Sandeman compromettere l’integrità delle sue figlie e dei suoi ex studenti, quindi lo affronta a muso duro, intimandogli di frenare le sue intenzioni per il bene della Salvatore. Sandeman, dal canto suo, accusa il suo predecessore di essere stato la causa della situazione esistente. Per il bene di tutti gli impone di stare lontano dalla scuola e dai ragazzi, vietandogli qualunque altro acceso. La situazione sfugge loro di mano e si scatena una rissa generale. Gli eventi sono tragici e la manifestazione si chiude in un flop.

Quale segreto nascondono le visioni di Lizzie? Cosa ne sarà del quarterback della squadra avversaria? Riusciranno a salvare Raf dal nuovo mostro? Landon riuscirà, prima o poi, a ricordarsi di Hope? Gli eventi si svolgono con una velocità ipnotica. La trama, se possibile, s’infittisce sempre di più. Gli studenti della Salvatore devono ora fare i conti con un mostro peggiore di quelli che hanno sin’ora affrontato, che dimora nelle loro coscienze, gli corrode l’anima e ha il loro volto. Un lato oscuro con il quale d’ora in poi dovranno fare i conti.

Arrivederci, fenicette e buona visione!

 

 

DarkSide

DarkSide