Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione Serie Tv: Legacies 1×13 “The Boy Who Has Still a Lot of Good to Do”

Recensione Serie Tv: Legacies 1×13 “The Boy Who Has Still a Lot of Good to Do”

The Boy Who Has Still a Lot of Good to Do

Progetto grafico a cura di Marina Alesse

Bentornati a questa recensione di Harry Potter in cui “The Boy Who Lived” …

No, scusate ho sbagliato! Siamo ben lontani dal capolavoro della Rowling, anche se cerchiamo in ogni modo di fare riferimento al mondo del maghetto più famoso del mondo, vero autori?

Ehi, no aspettate! Questo episodio mi è piaciuto quanto, se non più, del precedente.

Non è successo nulla di eclatante ai fini della trama, o meglio sì. Negli ultimi minuti si scopre una cosa su un personaggio che ti fa dire: “Ma WTF?” Di questo evento, comunque, ne parleremo dopo, signori, perché il tredicesimo episodio è servito ad approfondire e a conoscere il personaggio di MG.

Chi?! Vi starete chiedendo!

Be’, Milton, meglio conosciuto come MG.

Bene, ora finite le premesse, iniziamo a parlare di questa puntata al cardiopalma davvero ben fatta.

Scopriremo cosa è accaduto a Landon, Rafe e MG mentre il resto della Super Squad era a cercare l’urna.

Dunque: la mattina dopo il loro ritorno a scuola, Hope, Kaleb e Alaric si mettono alla ricerca dei tre ragazzi che sono scomparsi.

Trovano Rafe nel bosco, il quale si è appena ritrasformato dopo la notte di luna piena e Alaric, Hope e Kaleb temono che il giovane lupo abbia fatto del male a Landon e MG.

Rafe, infatti, non ricorda nulla della notte precedente e sta per impazzire a causa del fatto che non si è ritrasformato completamente. La sua mente è a metà tra la sua parte umana e quella animale.

Emma spiega che questo può essere stato causato da un evento traumatico che il ragazzo ha vissuto. La psicologa fa quindi addormentare Rafe, nonostante le proteste della giovane Mikaealson, che vuole più di ogni altra cosa sapere dov’è il suo fidanzatino…

Rafe, prima di addormentarsi, racconta quel po’ che ricorda, e cioè che poco prima che partissero per cercare l’urna, Kaleb aveva chiesto al giovane lupo di tenere d’occhio MG, così Landon e Rafe avevano deciso di accompagnarlo a casa sua.

Una volta arrivati lì, però, la madre del vampiro aveva detto ai ragazzi che il padre di MG si era candidato a sindaco e non aveva tempo per lui.

Che famiglia modello quella di MG, ragazzi!

Comunque, visto che il licantropo non riesce a ricordare null’altro di utile, Hope usa un elisir della sua famiglia in grado di collegare le menti dei lupi mannari (elisir mai visto in The Originals, ma sorvoliamo!). Rafe lo beve ed entra in comunicazione con Hope, facendo in modo che la ragazza acceda ai suoi ricordi.

Hope riesce così a scoprire che i tre ragazzi sono andati via dall’abitazione di MG e che Landon ha poi convinto MG a incontrare suo padre (il padre di MG è un reverendo ed è convinto che il figlio sia morto).

Tornata al presente Hope, accompagnata da Alaric, Kaleb e Rafe, parte alla ricerca dei due dispersi.

Un altro ricordo riaffiora intanto alla mente di Rafe: Landon è stato attaccato da un mostro.

Cercano dunque i due ragazzi nei boschi, intorno alla cittadina natia di MG, e qui, in una radura, trovano MG disorientato e confuso, con un morso di lupo mannaro sul fianco.

Rafe ha un altro ricordo, in quel momento: lui e Landon, accampati nei boschi, che aspettano il ritorno di MG. A un certo punto il vampiro torna ed è molto arrabbiato: ce l’ha con Landon. Lo ritiene colpevole, infatti, di averlo indotto a soggiogare suo padre per cancellarne i ricordi in quanto, quando l’uomo ha scoperto che il figlio è un vampiro, l’ha chiamato Mostro.

Alla fine il succhia-sangue, arrabbiato, ha aggredito Landon e l’ha ucciso sotto gli occhi di Rafe, che l’ha morso e poi è scappato.

MG, intanto, nel presente, peggiora e l’unica sua speranza è il sangue della tribrida: Hope.  Kaleb però non è sicuro che la giovane, una volta saputo cosa ha fatto MG al suo ragazzo, decida di aiutarli. Hope, tuttavia, dona lo stesso il proprio sangue e MG, quando si riprende, è divorato dai sensi di colpa.

MG viene consolato da Kaleb, mentre Rick, Rafe e Hope cercano il corpo di Landon.

I tre a un certo punto trovano il cadavere del ragazzo e Hope, che non può sopportare di perdere anche lui, dopo aver perso i suoi genitori e alcuni dei suoi familiari, si lascia andare alla disperazione tra le braccia di Rafe.

Ma ecco che, all’improvviso, dal corpo di Landon si leva del fumo, poi il ragazzo prende fuoco e diventa cenere. Dalla cenere riemerge Landon, con grande gioia di tutti i presenti, anche se appare notevolmente disorientato.

Quindi sì gente, avete capito bene, Landon è una fenice, proprio come la nostra Fanny.

Riguardo alla prossima puntata, so che dobbiamo aspettarci un ballo, Miss Mystic Falls, e il ritorno di Roman, il primo amore di Hope, che poteva anche non tornare visto che è la causa per cui Hayley è morta.

Perché Hope non l’ha ucciso quando poteva?

Spero che stavolta vi ponga rimedio.

Alla prossima!

 

Snow White

Avatar
x

Check Also

Lost Canary

Recensione Serie Tv: Arrow 7×18 “Lost Canary”

Progetto grafico a cura di TessV Bentornati amanti ...