Home / Telefilm & Film: Recensioni, Anteprime ,Spoiler, Gossip / Recensione serie TV: Legacies 1×10 “There’s A World Where Your Dreams Came True”

Recensione serie TV: Legacies 1×10 “There’s A World Where Your Dreams Came True”

What Was Hope Doing Yours Dreams

Progetto grafico a cura di Marina Alesse

Salve cari lettori, eccoci qui con il nono episodio di Legacies!
Un episodio che non mi è piaciuto, soprattutto perché è incentrato sull’unico personaggio di questa serie che vorrei prendere a martellate sui denti ogni volta che lo vedo: ovvero Elizabeth “Lizzie” Salztman.
Tra noi è stato odio a prima vista, un po’ come lo fu con Hope nella quinta stagione di The Originals. A differenza di Hope, però, che si è riscattata nel corso della stagione di TO, la nostra Lizzie non viene approfondita e anche in questo episodio, dove si cerca di darle profondità, in realtà la ragazza rimane una superficiale, viziata ragazzina che, per misteriose ragioni, odia Hope.
Okay, le ragioni non sono così misteriose.
Insomma, Lizzie odia la nostra protagonista perché è gelosa del suo rapporto con Alaric. Rapporto che Lizzie non ha con il padre, ma Hope non ha colpa di questo. È la ragazza stessa che, col passare del tempo, si allontana da lui.
Ma non perdiamoci in chiacchiere e iniziamo!
Dunque: vediamo Lizzie che torna insieme a Josie dall’Europa e viene messa al corrente di ciò che è accaduto nell’episodio precedente. La ragazza si mostra irritata perché Hope ha salvato ancora una volta la situazione, quindi se ne va via infuriata.
Si chiude nella propria camera ed esclama: “Vorrei che Hope non fosse mai venuta alla Salvatore School!”.
Toh! In men che non si dica, le appare un genio.
Sì, avete capito bene: un genio come quello della lampada di Aladino.
Solo che in questo caso si tratta di un genio femmina.

Il genio esaudisce il desiderio di Lizzie e la giovane si ritrova nella propria stanza. A un certo punto sente bussare: è suo padre che le chiede di allenarsi con lui.

La ragazza è stupita, ma accetta con entusiasmo.

Poi si rende conto che la Salvatore School è in uno stato pietoso.

Ricordiamo che la scuola è stata resa bella e accogliente grazie al finanziamento di Klaus Mikaelson, il padre di Hope, in virtù del fatto che Hope un giorno l’avrebbe frequentata.

Non essendoci Hope, dunque, Klaus non ha fatto nessuna donazione a Caroline. Inoltre i Salztman non hanno nessun modo di trovare i ragazzi con poteri e capacità fuori dal comune. Lizzie dopo mostra al padre il mappamondo che, grazie a un incantesimo, usano per localizzare i ragazzi.

La luce più forte proviene da New Orleans, dove c’è Hope che, dopo la morte della maggior parte della sua famiglia, come il padre si è mesa a compiere stragi.

Alaric le offre la possibilità di frequentare la sua scuola, e la tribrida accetta.

Non contenta del fatto che Hope sia rientrata nelle loro vite, Lizzie chiede al genio che non esista più alcuna Salvatore School. Si ritrova così insieme alla sorella Josie a frequentare la scuola pubblica di Mystic Falls. Sua sorella è tra gli studenti più popolari, mentre lei fa fatica a inserirsi. E quando Lizzie ha uno dei suoi attacchi di rabbia, in mezzo al corridoio della scuola, inizia a far esplodere tutto, perdendo il controllo sui propri poteri.

Arriva a salvare la famiglia Saltzman Hope, insieme alla sua squadra.
Fanno tutti parte della Mikaelson School che Klaus ha creato come posto sicuro per la figlia. In questo universo alternativo, inoltre, l’ibrido è vivo e si trova in Europa per aprire una nuova sede oltreoceano.
Hope è venuta per offrire ad Alaric un lavoro per conto del padre.
Lizzie, stufa di trovarsi sempre tra i piedi la propria nemesi, esprime il suo terzo desiderio: vuole che Hope non sia mai esistita.
Si ritrova in un mondo desolato, dove le creature sovrannaturali combattono contro la Triad, perché, dopo aver perso sua figlia, Klaus Mikealson è impazzito e ha iniziato a fare stragi ovunque, portando la comunità sovrannaturale allo scoperto e generando una guerra con la Triad, che li vuole sterminare tutti.
Lizzie trova suo padre, che la informa della morte di Josie e del fatto che è stata lei a ucciderla, spaventata dalla maledizione Gemini.
Come sappiamo, infatti, all’età di ventun anni i due gemelli gemini devono affrontarsi e battersi: solo uno sopravvivrà alla fine. La ragazza, sconvolta, chiede al genio di riportarla indietro, ma la creatura lo farà solo a una condizione: lei dovrà darle l’urna.
Lizzie rifiuta e capisce che deve giocare d’astuzia, così desidera che il genio non abbia mai incontrato Malivore.
Detto, fatto!
Lizzie si risveglia in camera sua, a scuola, e non ricorda più nulla di ciò che ha fatto, né della maledizione Gemini.

Tirando le somme, questa è stata una puntata di passaggio in cui i vari universi alternativi non vengono granché esplorati. Mi sarebbe piaciuto, invece, capire quali erano i desideri degli altri membri della squadra e soprattutto quelli di Hope.
Aspetto la prossima puntata con curiosità. A presto,

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione Serie tv: Chicago PD 6×20 “Sacrifice”

Non ci credo! Finalmente una puntata degna delle ...