Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: L.A.’s Finest – 1×12 – “Armageddon”

Recensione Serie Tv: L.A.’s Finest – 1×12 – “Armageddon”

Enemy of the State

Progetto grafico a cura di Eve

Che roba Fenici! Che roba!

In questo episodio, il penultimo della stagione, succede davvero il finimondo.

All’incontro con Duvall, Carlene taglia cortissimo e gli dice “ma quelle sono due poliziotte!” e sbam, gli spara; tra lei e le protagoniste c’è una sparatoria che causa una mezza strage, ma riesce comunque a fuggire.

Poteva fare tante cose per salvarsi da quella situazione, in primis non rivelare l’identità di Syd e Nancy, ma pare che la fredda e calcolatrice Carlene sia leggermente partita per la tangente, forse a causa della continua pressione causata dalle loro indagini. Forte di contatti molto potenti, riesce a negoziare col capo della DEA quarant’otto ore di vantaggio per recuperare i soldi, i documenti falsi, suppongo anche i suoi figli e infine organizzare la fuga, ma non ha fatto i conti con i detective che ormai ne hanno le tasche piene di lei.

Pur essendo stati sospesi tutti dal servizio, i Ben’s riescono a sottrarre tutti i contanti che la banda stava caricando su un furgone, nel frattempo Syd e Nancy bloccano Carlene mentre recupera documenti, carte di credito e soprattutto il materiale che negli anni ha usato per ricattare e tenere in pugno le persone più potenti con cui è entrata in contatto.

Tutto bene e tutto bello, fino a quando la super-stronza con l’impermeabile dell’ispettore Gadget non decide di farsi restituire ogni cosa in cambio di Izzy, la figliastra di Nancy che giace legata e agguerrita nel retro di un furgone: You better hope my dad finds you first, because Nancy will straight up kill you!

Citazione della settimana!

Syd infine si schianta in moto perché al trentordicesimo flashback della sua prigionia, si rende conto che è stato quel cretino totale di Warren a spararle.

OMG.

Non è vero, non è OMG perché l’avevo capito da mò.

Comunque, che dicevo? Penultimo episodio.

Oh santa patata… sembra non finire mai! Cioè capitemi, è una serie bellissima, ma davvero se arrivo a ricordarmi i nomi di tutti i villain significa che la stanno tirando davvero lunga.

Ecco, Armageddon è stato stupendo, così perfetto che poteva essere fatto prima, ed è questo il problema di fondo: o mi fai una bellissima e fighissima trama orizzontale che richiede attenzione costante, oppure mi fai vedere i casi della settimana, che in L.A.’s Finest di solito prendono due episodi invece di uno.

Rendo merito a questo episodio bestiale, che ci riporta ai fasti del pilot e a quella qualità da film blockbuster che si vede così poco spesso nelle serie.

Poi ci sono ombrelli enormi e impermeabili oversize che chiaramente nascondono armi impugnate dalle mani tenute in tasca. Warren, dico a te: disarmata un paio di palle da tennis, era ovvio che aveva una pistola, razza di caprone!

Bad Girls for life! (perché senza le girls, col cavolo che si salva la gente…)

 

Serena Oro

Avatar
Lilian Gold

Lascia un Commento