Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv: I may destroy you – 1×09-10 – “Social Media Is A Great Way to Connect”-“The Cause the Cure”

Recensione Serie Tv: I may destroy you – 1×09-10 – “Social Media Is A Great Way to Connect”-“The Cause the Cure”

I may destroy you

Progetto grafico a cura di Eve

Ciao a tutti, amanti delle serie TV!

Nel finale degli episodi precedenti, Bella ha avuto un confronto con Biagio che solo per poco non è sfociato in tragedia. Terry aveva cercato di dissuaderla dal tornare in Italia per chiedere scusa al ragazzo, ma ci sono casi in cui il muro lo devi prendere in pieno viso per realizzare che ti farai male se ci sbatti contro.

Archiviato definitivamente il capitolo Biagio nella grande enciclopedia dei rifiuti umani, Arabella si butta a capofitto nella stesura della bozza del suo libro, dedicandosi, al contempo, a una personale crociata contro gli stupratori e i moralisti che attribuiscono la colpa delle violenze a chi le subisce.

Come provocazione decide di sottoporsi a una tac al cranio, di cui poi pubblica i risultati sulle sue pagine Facebook e Instagram, a dimostrazione del fatto che non è pazza.  Successivamente si prepara per festeggiare Halloween con gli inseparabili Terry e Kwame.

A proposito di Kwame… anche lui ha avuto un’altra bella batosta. Convinto che la soluzione ai suoi problemi potesse essere impegnarsi in una relazione etero, il giovane fa sesso con una ragazza che poi si rivela essere omofoba e per questo le confessa di essere gay.

Parlando con le sue amiche, il ragazzo archivia la questione sostenendo di essersi arrabbiato molto nel momento in cui la sua partner ha parlato con disprezzo di afroamericani e omosessuali. Pur rendendosi conto di non essere stato onesto nei suoi confronti, ritiene dunque che la ragazza abbia in parte avuto quello che meritava. Ahi!

Purtroppo, non è esattamente così e Arabella non manca di farglielo notare, usando parole molto forti certo, ma che hanno lo scopo di scuotere la sua coscienza… la ragazza è razzista e omofoba e questo è un dato di fatto deprecabile, ma meritava un partner che l’ha ingannata non dicendole chi è veramente per poi scoprirlo dopo il sesso? Anche questa è una forma di abuso…

In The Cause the Cure riceviamo qualche informazione sulla famiglia della nostra protagonista, in occasione del compleanno di sua madre.

La ragazza si sforza di sorridere e di buttarsi tutto alle spalle, eppure decide di passare ogni momento del suo tempo libero nel bar dove tutto è iniziato. Cosa pensa di ottenere in questo modo?

Per come la vedo io, ci sono strade che ognuno di noi si trova costretto per una ragione o per l’altra a ripercorrere. Risalire da un abisso senza saperne il perché, lascia addosso la sgradevole sensazione di essere sempre fuori posto. Forse, l’unico modo per liberarsi davvero è tornare in quel buco nero che ha rischiato di risucchiarti per sempre e rivivere quei momenti che non riusciamo ad archiviare. Le ferite tornerebbero a bruciare, ma avremmo modo di affrontarne il dolore con una rinnovata consapevolezza.

Arabella, cercando di scendere a patti con l’inferno che ha vissuto, verrà a conoscenza di un terribile segreto… secondo voi, è possibile perdonare chi ci ha lasciato in balia degli eventi, pur sapendo che avremmo potuto avere bisogno di aiuto?

Io me lo domando spesso. E non sempre la risposta che mi do mi piace.

Alla prossima

Serena Oro

Avatar
Lilian Gold

Lascia un Commento