Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione serie Tv – House of Dragon – Stagione 1 completa

Recensione serie Tv – House of Dragon – Stagione 1 completa

 

Tra le serie più attese degli ultimi anni HOD è al primo posto, come amante del Trono di Spade ero molto curiosa di assistere al risultato tanto chiacchierato di questa nuova storia ambientata duecento anni prima che la fantastica Daenerys Targaryen nascesse. 

Ci troviamo nuovamente ad Approdo del re governato dai Targaryen con a capo il re Viserys: un personaggio che mi è piaciuto molto – se sorvoliamo l’uxoricidio – è un re che usa la testa e punta alla pace come prima necessità. 

Infatti ci troviamo in un tempo in cui le guerre sono lontane e i draghi volano nei cieli come simbolo di potenza e invincibilità. 

Ebbene sì, in questa serie faremo una scorpacciata di draghi, poiché a ogni discendente viene donato un uovo alla nascita. In questo modo vedremo diverse di queste affascinanti creature. Ogni drago è a sé unico e speciale, cosa molto diversa da GOT dove gli unici tre draghi presenti erano fratelli e presentavano differenze oltre la stazza, nel colore delle squame. 

Grazie a questi maestosi animali nessuno si permette di contraddire la famiglia reale, chi sano di zucca si metterebbe mai in guerra contro chi dispone di oltre dieci enormi bestioni sputa fuoco?!

Viserys non ha un erede maschio, la principessa Rhaenyra è la sua primogenita ma essendo una donna non è candidata al trono, ciò rende instabile la continuità nel comando della casata. La regina Aemma Arryn è incinta, dopo dieci anni di tentativi tutti andati male ha grandi speranze nella vita che le cresce dentro e che fra poco vedrà la luce. Tutti eccitati e contenti finché non iniziano le doglie dove la situazione degenera. Il re dovrà fare una scelta: salvare l’amata moglie o l’erede nel suo grembo. 

Dato che il nome della serie è “Fuoco e Sangue” vi lascio immaginare quanto successo dopo.

La perdita della regina e del figlio destabilizzerà i Sette Regni, ora più che mai c’è bisogno di un erede, così Viserys, contro il parere del suo Consiglio, decide di nominare suo legittimo successore Rhaenyra. 

Mai una donna è salita sul Trono di Spade. 

I personaggi sono davvero impeccabili, come ormai la penna di George R.R. Martin e la HBO ci hanno abituato. 

Fra tutti spicca di certo lo zio Daemon, interpretato da Matt Smith, che devo dire ha fatto un lavoro incredibile dando al guerriero conquistatore un carattere e uno charme tale da poter sorvolare sul fattore estetico. È un bell’uomo ma non regge il confronto con i sex simbols di GOT, in effetti su questo argomento ho trovato la serie meno curata nella parte estetica dei personaggi. 

La giovane Rhaenyra, interpretata da Milly Alcock, è stata fantastica, mi ha affascinato con il suo carattere focoso e libero. In verità, all’inizio, la cavalcatrice di draghi sembrava solo una ragazzina viziata, ma è tutta apparenza: ha del fuoco dentro e sa cosa vuole e come ottenerlo. 

Il rapporto fra padre e figlia è una delle cose che mi ha piacevolmente sorpresa di più, l’amore di Viserys per la figlia rimane indelebile e forte per tutta la stagione, cosa rara e inaspettata in una serie che si annuncia cruenta e sanguinaria come la matriarca GOT. 

Passiamo agli altri personaggi, come gli Hightower: Otto, il primo cavaliere e sua figlia Alicent la migliore amica della principessa e sua dama di compagnia. Non posso non accennarvi come il Primo Cavaliere manipolerà le debolezze altrui per ottenere una discendenza che governi, la cosa è degna degli intrighi amati nella serie precedente. 

Infatti farà in modo che l’addolorato Viserys trovi conforto per la perdita della sua regina in Alicent così da preferirla quando arriva il momento di sposarsi nuovamente per assicurare nuovi eredi al trono. 

Il comportamento liberale di Rhaenyra e il matrimonio di Alicent con il re mineranno il rapporto delle due ragazze facendole diventare nemiche. 

Questa serie ci accompagna negli intrighi di corte e fra le strade malfamate di Approdo del re. Dove ogni persona al potere vuole averne di più e ogni passo falso può costare la vita. 

Una grande serie che ha mantenuto le promesse, svelando anche la famosa tendenza dei Targaryen ai matrimoni fra parenti, ma non dico di più perché se non l’avete ancora vista spero che questa recensione vi convinca a entrare nel mondo della casa Targaryen, credetemi se vi dico che ne vale decisamente la pena. 

Amerete Rhaenyra e Daemon, come lui la difenda in ogni circostanza e la accompagni fra le insidie sempre più audaci con l’avanzare della storia. 

L’eredità del padre porterà la principessa a chiedersi se la pace non sia la giusta via per risparmiare vite, ma una perdita importante risveglierà il drago dentro di lei e la porterà nella via del fuoco e del sangue.  

Super serie, super cast, super scenografie e ho amato i draghi con la loro unicità, i personaggi mi hanno catturata e nonostante mi chieda ancora come Daenerys sia venuta così bella con degli antenati simili, vedo la loro indole in lei. 

Ho adorato questa nuova creatura HBO e devo dire che avevo molta paura che non potesse essere all’altezza della serie madre, invece con un salto nel tempo ci hanno regalato un’altra serie campione di incassi che ha già i suoi seguaci, io fra questi 😉

Non vedo l’ora di vedere in azione i draghi nella guerra che cambierà la storia.

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Francesca

Lascia un Commento