Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv – Hawkeye – 01×06

Recensione Serie Tv – Hawkeye – 01×06

“Buon Natale a me!

 

Bentornate Fenici!

Con questo ultimo episodio, diamo un arrivederci alle serie Marvel che ci hanno tenuto compagnia nel 2021 ma le rivedremo presto con il nuovo anno.

Sono stati introdotti nuovi personaggi, non sono di certo mancati i collegamenti ai film principali e tutto ciò dando un nuovo senso allo streaming casalingo.

Nel finale di stagione riprendiamo da dove c’eravamo lasciati: ovvero Kingpin che incontra la madre di Kate. Signori, rivedere Vincent dopo tutto questo tempo mi ha fatto un certo effetto e, diciamoci la verità, Kingpin è cucito addosso a lui. Scopriamo che la madre di Kate ha eliminato il debito del marito con Wilson Fisk e ora vuole uscirne fuori, ma il nostro boss del crimine non è molto d’accordo.

È Yelena a mandare il video a Kate, così lei e Clint hanno il quadro completo.

 

 

“Sei la mia partner. I tuoi casini sono anche i miei” Clint capisce che per uscire dalla situazione devono fare squadra, infatti, solo così avranno la meglio.

Intanto Kingpin ordina a Kazi di uccidere Eleanor, sembra che lui voglia davvero bene a Echo… quest’ultima ormai ha capito che c’è lui dietro a tutto quello che le era stato detto.

 

“La città mi appartiene”

Credetemi, sentire dire questa frase dalla voce di Ward è una goduria per le orecchie.

I nostri eroi, mentre si preparano per l’ultimo scontro con quelli della “mafia in tuta” e il boss, fabbricano le frecce e Kate confessa a Clint di averlo visto durante la battaglia di New York, quando le ha salvato la vita dai Chiatauri.

“Eroe è chi ha il coraggio di fare la cosa giusta a ogni costo”

Durante il party di Natale dei Bishop, succede il finimondo.

 

Kate insegue Yelena che vuole uccidere Clint, mentre quest’ultimo mette k.o. Kazi e finisce sull’albero del Rockfeller Center. Bellissime le scene d’azione dove i due arcieri fanno fuori l’intera organizzazione della “mafia in tuta”, di seguito Clint ha uno scontro con Yelena e Kate difende la madre da Kingpin che vuole ucciderla.

Yelena grazia Clint dopo aver scoperto la verità, Kate riesce a mettere k.o. il boss e a salvare la madre che finirà in prigione.

Alla fine, Kate e Lucky vanno con Clint a casa di lui per festeggiare tutti insieme il Natale.

 

Piccole pillole.

Clint riesce a recuperare l’orologio e dietro scopriamo il logo dello S.H.I.E.L.D. con scritto un numero 19, penso che si riferisca al suo codice identificativo come agente, ovvero Laura. Il costume di Ronin viene bruciato.

Nella post credit, beh la Marvel sa essere una buontempona, vediamo per intero il brano del musical “Rogers” sulla battaglia di New York, una cosa assurda.

 

Considerazioni

Anche questa serie ha avuto la sua fine. Serie che nessuno dava per un soldo bucato, dato che Clint non viene mai preso in considerazione come Avenger eppure è quello che ha sofferto più di tutti.

Certo, non è ai livelli delle precedenti, ma è godibile, ti riporta all’ambiente urban e alle atmosfere natalizie, cose comuni ma di grande impatto.

Qui abbiamo avuto il ritorno a casa “Marvel” dei personaggi di Daredevil, vedasi Kingpin in primis. Echo, come avevo già annunciato, avrà una sua serie spin off e aspettatevi di vedere il Diavolo interpretato da Charlie Cox.

Abbiamo conosciuto Kate Bishop, interpretata magistralmente da Hailee Steinsfield, che non ci farà rimpiangere il nostro Clint nei futuri progetti della Marvel. Che dire di Yelena? Adoro! Preferisco più lei che Natasha e non me ne vogliate male. Immaginate che bella coppia sarebbe quella tra Yelena e Kate!

Jack Dusquene, ovvero Spadaccino, beh, alla fine era solo una persona normale che amava le spade; Marvel ci ha sviati per bene.

Wilson Fisk aka Kingping. Signori, Vincent D’Onofrio è unico.

Jeremy Renner come Clint. Non ho altro dire su di lui, dopo tanto tempo che si interpreta un personaggio nell’MCU diventa parte della famiglia. Incanala alla perfezione il dolore della perdita e, se per gli altri c’è voluta una terapia drastica, lui è riuscito da solo grazie anche all’aiuto di Kate a tirar fuori tutto.

Serie godibile che si collega con Spiderman No way home e porta in avanti il discorso del futuro della Marvel.

 

 

Buona la prima come si dice in questi casi, questa fase quattro della Marvel è partita nel migliore dei modi.

Quindi vedetevela, godetevela e buone feste

 

Alla prossima

Un saluto dalla vostra Mal

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Francesca

Lascia un Commento