Home » Recensioni: serie TV e Film » Recensione Serie Tv – Hawkeye – 01×05

Recensione Serie Tv – Hawkeye – 01×05

 “Ronin”

Bentornate, Fenici!

L’episodio parte con un flashback: Yelena è alle prese con la sua missione per liberare le altre Vedove Nere dal condizionamento mentale perpetrato da Dreykov. Ma scopriamo anche che la sorellina di Natasha è stata vittima del Blip di Thanos, e dal 2018 passa direttamente al 2023.

Nel presente, Kate torna a casa e parla con la madre. Ma perché non ho fatto caso alla “cara signora madre” Eleanor? Mi puzza assai la donna, e mentre parlano, la ragazza si apre, dicendo quello che hanno scoperto lei e Clint su Jack.

Anche Echo si sta leccando le ferite nel suo rifugio, e capisce che era un altro lo scopo di Yelena, non loro. Kate torna a casa sua, il rifugio sulla pizzeria andato distrutto in precedenza, e qui incontra l’ex Vedova disinvolta eppure attenta a studiare qualsiasi mossa. Complice una pasta al formaggio, le dice che è lì per uccidere Clint, l’unico responsabile della morte di sua sorella Natasha.

Abbiamo sia la vendetta di Echo, che quella di Yelena, ma la vendetta non porta mai a nulla di buono.

Jack viene arrestato e Clint farà una cosa che gli causerà grande dispiacere. Bellissimo il suo monologo mentre parla a “Nat”, in cui le dice che avrebbe proprio bisogno di un consiglio, era lei la più forte e testarda, e lui rivede sempre la scena su Vormir, dove lei si sacrifica al suo posto per avere la Gemma dell’Anima. Ha ancora i sensi di colpa e non avrà pace.

Il piano consiste nel lasciare un messaggio a “quelli in tuta” per Maya; chiama Laura dicendogli quello che sta per fare, o meglio è la moglie che capisce (ho amato questo loro rapporto e la loro complicità, siamo sicuri che lei non sia Mimo?) Il dubbio di Clint è che se non fermerà Maya/Echo, chi è dietro di lei, il “pezzo grosso” in tutti i sensi della parola, verrà fuori.

Si presenta all’appuntamento come Ronin e mette fuorigioco tutti quelli della Mafia in tuta, fino a uno scontro uno contro uno con Maya. Gli fa capire che lui non era lì (quindi chi era?), così Echo ha dei dubbi su Kazi (ho il sospetto che farà una brutta fine). Kate salva Clint da Echo e gli dice che ha parlato con Yelena, lì per ucciderlo.

Vi prego, tenetevi forte, perché le serie Marvel non sono mai quello che sembrano. Yelena segue Eleanor fino a un hotel, poi manda un messaggio a Kate, dicendole che è stata sua madre ad assoldarla per uccidere Clint e c’è una foto che entrambi vedono. Il nostro eroe sa esattamente chi è l’uomo con la donna.

Signore e signori, rullo di tamburi… Wilson Fisk, aka Kingpin, is in the house! È nell’MCU!

Considerazioni

Era stato detto che questo episodio avrebbe fatto implodere Twitter e, sì, così è stato. Sapevamo che sarebbe venuto fuori Kingpin e, anche se solo in foto, ha fatto sbarellare tutti. Io ho gridato senza ritegno, lo ammetto. Vedere Vincent D’Onofrio in completo bianco e camicia nera… Non vedo l’ora di sentire la sua voce, sperando che abbiano tenuto Luca Ward come doppiatore.

Ho adorato tutto dell’episodio: tanti sentimenti in gioco, Kate combattuta su quello che vuole fare davvero e ciò che sua madre vorrebbe, Clint che cerca in tutti i modi di staccarsi dal suo passato violento (vedasi Ronin) e portare a termine la missione prima di Natale, tornando “nell’ombra” per condurre una vita tranquilla. Echo, che non è più convinta della vendetta dopo aver parlato con Clint, non si fida nemmeno di Kazi, dato che non era alla riunione dove suo padre morì. Che sia stato qualcuno mandato da Kingpin a ucciderlo, facendo ricadere la colpa su Clint/Ronin? Così andrebbe a ricalcare il fumetto.

Yelena che… beh, AMO! Penso proprio che non attuerà la vendetta una volta saputa la verità. Stupende le sue iterazioni con Kate, sarà una fantastica coppia nei prossimi lavori dell’MCU.

Aspettiamo la fine per trarre un giudizio, ma per ora non mi ha delusa. Certo, non è la mia preferita come serie, ma mi piace.

Curiosità: Nella post credit scene appare il nome di Vincent D’Onofrio (e di nuovo ho gridato), ma la canzone natalizia di chiusura, Mr. Grinch? E vogliamo parlare della sagoma ingombrante di Kingpin nel finale, che abbraccia la città e i nostri protagonisti nei titoli di coda? Sono dei geni alla Marvel!

Alla prossima. Un saluto dalla vostra Mal

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]

Francesca

Lascia un Commento